Stampa di etichette su plastica da imballaggio e carta

Verlinktes Inhaltsverzeichnis - öffnen
Stampa di etichette: una breve introduzione ai materiali
 

Etikettendruck: Materialien und KleberA seconda del campo di applicazione e delle condizioni esterne a cui il prodotto etichettato è esposto nel corso del suo utilizzo, le proprietà dei materiali utilizzati nella stampa di etichette sono diverse e pertanto determinati prima della stampa dell'etichetta.
 

  • I nostri consulenti esperti saranno felici di aiutarvi a trovare l'etichetta giusta per il vostro prodotto.


Le nostre etichette autoadesive sono di solito composte da tre strati diversi:

  1. Il materiale di superficie
  2. Il materiale di supporto
  3. E uno strato adesivo nel mezzo.

Questi strati di materiale sono utilizzati dal produttore sia su un rotolo (master roll) che come fogli. Le proprietà degli adesivi utilizzati in un'azienda di stampa di etichette sono molto differenti tra loro.

In questo articolo, imparerai di più sulle possibilità di stampa di etichette in pellicola e in carta e troverai anche ulteriori informazioni sulle etichette multistrato.

 

 

1. STAMPA DI ETICHETTE SU PELLICOLA/PLASTICA

Le etichette di carta hanno un chiaro vantaggio di prezzo rispetto a quelle in plastica. La carta da stampa è senza legno, supercalandrata, economica, riciclabile ed ecologica. La carta senza legno è ancora composta da legno, ma durante la produzione le sostanze del legno, lignina ed emicellulosa, vengono filtrate da processi chimici e separate dalla fibra di cellulosa. Dopo il filtraggio, la proporzione di sostanze legnose è inferiore al 5%, ed è per questo che la carta viene chiamata senza legno. La carta da stampa supercalandrata iscritta su una calandra, una macchina che liscia carta, film, tessuti o simili con vari rulli, processo che ne aumenta la densità, la scorrevolezza e la lucentezza. Tuttavia, quando si tratta di resistenza agli agenti atmosferici, robustezza e resistenza alla temperatura, le etichette in pellicola (film) sono più adatte all'identificazione dei prodotti rispetto alle etichette di carta, perché il materiale di superficie delle etichette in film è costituito da una plastica molto sottile e resistente.
 

  • Su richiesta, stampiamo per i tuoi clienti anche etichette individuali con i tuoi materiali. Non esitare a contattare il nostro team di supporto.


Per un'azienda di stampa di etichette, stampare etichette su un materiale plastico liscio e non assorbente, è un po' una sfida. La maggior parte delle plastiche usate nei vari film per etichette hanno una superficie "non polare" (a bassa energia) e idrorepellente, alla quale le stampe fanno fatica ad aderire. In un'azienda di stampa di etichette, le etichette in pellicola sono per lo più realizzate con le seguenti materie plastiche: Poliestere (PET), polietilene (PE), polipropilene (PP) e cloruro di polivinile (PVC).
 

1.1 Etichette in PET

Stampa di etichette ideali per l’uso esterno

Il polietilene tereftalato è ottenuto per policondensazione ed appartiene al gruppo dei poliesteri. Le etichette in questione sono quindi etichette adesive fatte di film di poliestere. 

Questa pellicola di poliestere è molto durevole e particolarmente resistente all'acqua, alla benzina, al grasso, agli oli, all'alcool, agli acidi e agli alcali. Il poliestere è il materiale plastico più stabile per le etichette adesive in rotolo. Queste etichette in film di poliestere (etichette PET) hanno il grande vantaggio di essere particolarmente resistenti alle temperature: nell'intervallo di temperatura da -60°C a +150°C non si espandono né si restringono, perciò possono essere utilizzate molto bene come materiale per la stampa dati e digitale (compresa la stampa a getto d'inchiostro, laser e a trasferimento termico). Sono utilizzati, per esempio, per le targhette, nel mercato del giardinaggio o per l'etichettatura dei materiali da costruzione.


Quasi tutti entrano in contatto quotidianamente con prodotti in poliestere come le etichette o i film in poliestere. La più conosciuta è probabilmente la bottiglia per bevande in PET, che si trova in qualsiasi supermercato come bottiglia di acqua minerale. Dobbiamo il trionfo della plastica di poliestere alla Coca-Cola Company che fu la prima a riempire in massa le sue note bevande nella leggera ma stabile bottiglia in PET per alimenti.
La fibra di poliestere è anche la fibra plastica per eccellenza nell'industria tessile.

 

Anche le nostre etichette in poliestere beneficiano di queste proprietà speciali. Per la produzione di etichette in PET utilizziamo il poliestere resistente al calore, che è dotato di un rivestimento su entrambi i lati e garantisce una superficie di stampa perfetta e una riproduzione veloce dei colori. Questo vale per tutti i processi di stampa, dalle stampanti laser e a trasferimento termico, alle fotocopiatrici, poiché generano molto calore. Le etichette in poliestere sono caratterizzate da una lunga durata e da un'eccellente resistenza ai raggi UV. Le etichette adesive in materiale poliestere sono resistenti all'invecchiamento e vengono utilizzate laddove l'etichettatura deve rimanere attendibile e duratura per molti anni.
 

1.2 Etichette PE

Perfette per la stampa ecologica di etichette

Il polietilene (PE) è una termoplastica organica che non contiene plastificanti, metalli pesanti o siliconi ed è facile da riciclare. La ragione sta nella composizione chimica del polietilene: durante la produzione del polietilene, i gas propene ed etene sono legati insieme ad alte temperature, sotto alta pressione e con l'aiuto di un catalizzatore per formare una termoplastica flessibile.
  
Con l'ulteriore riscaldamento, il materiale termoplastico si scompone di nuovo nei suoi componenti di base; si ammorbidisce e si disintegra. Una varietà di oggetti quotidiani che si possono comprare al supermercato e altrove sono fatti di plastica di polietilene: sacchetti di plastica del supermercato, i sacchetti per congelare il cibo, così come i secchi ordinari e i cesti per il bucato, i sacchetti di plastica, le valigette per trasportare le bevande, l'isolamento per i cavi e i rivestimenti dei tubi. 

Il polietilene è un tipo di film poco costoso e comunemente usato nella stampa di etichette; non contiene zolfo, alogeni o cloro ed è adatto alla stampa di etichette. Le etichette in PE sono facili da stampare e possono anche essere facilmente fustellate o ulteriormente lavorate dopo la stampa. Grazie al loro bilancio ambientale positivo, le etichette in polietilene possono essere facilmente riciclate, sono tossicologicamente innocue e insensibili agli oli e ai grassi. Le etichette in polietilene sono ideali per l'etichettatura di prodotti alimentari o igienici. 


Le etichette in PE sono accettate nel settore alimentare e vengono utilizzate dove è richiesta una certa comprimibilità, ad esempio bottiglie di shampoo, cosmetici, detergenti e imballaggi alimentari flessibili. Soluzioni di sale, vari tipi di soluzioni alcaline e la maggior parte degli acidi non organici, non attaccano né degradano il polietilene. Anche le sostanze sensibili per il naso, come il solvente per unghie, sono confezionate in bottiglie di polietilene.

Un film in PE appositamente trattato viene prodotto come documento per etichette che servono da sigillo e adesivi distintivo.


Per garantire che la stampa a trasferimento termico su etichette in polietilene produca un'eccellente immagine di stampa in tutte le comuni stampanti standard e industriali, si consiglia di utilizzare nastri a trasferimento termico in resina e cera. Le etichette in PE sono resistenti all'invecchiamento ma hanno poca resistenza ai raggi UV. Inoltre, è bene evitare di esporre le etichette in polietilene a forte calore, freddo estremo o vapore caldo, poiché la stabilità della plastica organica non può più essere garantita in queste condizioni estreme.
 

1.3 Etichette PP

Ideali per la stampa di etichette trasparenti

Il polipropene (PP o polipropilene) è una termoplastica che appartiene alle poliolefine. Questa termoplastica è formata dalla polimerizzazione a catena del propene. Il polipropilene è la seconda plastica sfusa più importante, con circa il 20% della produzione totale, e quella con la crescita più forte a livello mondiale (a partire dal 2016). Il PP è naturalmente più compatto, meno facilmente piegabile e presenta una maggiore trasparenza rispetto al polietilene. La plastica di polipropilene è anche più resistente a grassi, solventi, alcali o acidi del polietilene. Grazie alla struttura semicristallina non polare del polipropilene, questa plastica può essere usata bene come film per la stampa di etichette. 


Grazie alla sua trasparenza particolarmente brillante, il film PP viene spesso utilizzato nella stampa di etichette come film di laminazione o per le etichette PP nel cosiddetto "no-label look", ad esempio per imballaggi in plastica e vetro. Le etichette in polipropilene possono essere utilizzate, per esempio, per imballaggi indeformabili di oli per motori, cosmetici o prodotti per la casa. Le etichette in polipropilene sono quindi più adatte all'uso esterno rispetto alle etichette in polietilene (PE).

Anche se le etichette PP sono simili alle etichette PE in termini di struttura chimica, le prime sono significativamente più dure, più forti e più resistenti termicamente; la ragione di questo è la presenza di un gruppo metilico aggiuntivo che migliora le proprietà meccaniche e la resistenza termica delle etichette in PP, mentre riduce la resistenza chimica del materiale termosensibile dell'etichetta. Le etichette in polipropilene sono anche ideali per la stampa a trasferimento termico poiché sulla loro superficie si può vedere un'eccellente immagine di stampa.


Oltre alle etichette in PP, le pellicole da imballaggio e gli imballaggi rigidi come le tazze o i barattoli trasparenti, sono altre importanti aree di applicazione della plastica di polipropilene.
 

1.4 Etichette in PVC

Stampa di etichette per diverse superfici

Il PVC (cloruro di polivinile) è un materiale termoplastico appartenente ai polimeri termoplastici come il PE (polietilene) e il PP (polipropilene). Il cloruro di polivinile può essere acquistato in diversi gradi di durezza, colore e spessore e viene utilizzato in molti settori commerciali e industrie. Il PVC rigido è usato soprattutto nella costruzione dei profili delle finestre e nei pannelli acustici. Il PVC morbido è usato come pavimentazione o per la guaina dei cavi. 

Il cloruro di polivinile è una plastica usata anche sottoforma di PVC morbido per la produzione di etichette in PVC. L'aggiunta di plastificanti conferisce alla plastica, naturalmente dura e ruvida, proprietà plastiche come la flessibilità, la resistenza alle crepe e la morbidezza. Le etichette in PVC si adattano perfettamente a qualsiasi superficie, sono elastiche e particolarmente resistenti allo strappo. Le etichette fatte di cloruro di polivinile sono spesso usate come etichette chimiche perché hanno un alto grado di resistenza agli acidi, all'olio e all'acqua di mare e quindi non si deteriorano. Le etichette in PVC non soffrono della luce del sole e non sono elettricamente conduttive. Le etichette in PVC sono resistenti all'acqua, all'olio, agli alcali, ai raggi UV e aderiscono in modo sicuro a temperature che vanno da -40°C a +80°C; sono molto adatti per l'incollaggio su curve e bordi e sono anche adatti a superfici irregolari. 

L'uso delle etichette in cloruro di polivinile è molto versatile. Grazie alla loro buona resistenza alle intemperie, le etichette in PVC sono molto popolari per l'uso esterno, ma anche come etichette di alta qualità e durevoli per l'identificazione delle apparecchiature, come etichette di avvertimento, etichette con codici a barre o per l'identificazione dei cavi. Le etichette in PVC sono utilizzate principalmente per prodotti durevoli, come le etichette per esterni resistenti alle intemperie o cartellini nei negozi di piante e nei vivai.


Le etichette fatte di cloruro di polivinile e senza uno strato barriera aggiuntivo, non sono adatte alle etichette alimentari, perché i plastificanti hanno la proprietà di migrare nell'ambiente. Le sostanze emanate dal PVC morbido (odori di plastica) e possibilmente dannose per la salute, non devono entrare in contatto con gli alimenti. I plastificanti come il PVC flessibile sono facilmente assorbiti, soprattutto da grassi e oli, pertanto, nel settore alimentare, vengono utilizzate le etichette PP in polipropilene e le etichette PE in polietilene.
 

Ulteriori informazioni al di fuori della stampa di etichette su materiale PE e altre materie di plastiche sfuse le trovi a questo link.

Clicca qui per andare direttamente ai materiali per le etichette in pellicola

 
 

2. STAMPA DI ETICHETTE SU CARTA


DruckGrazie alle sue proprietà fisiche come la lucentezza, la possibilità di scriverci sopra, la porosità e la resistenza all'aria, la carta per etichette può essere stampata in qualità eccellente, facilmente lavorata e ben riciclata.
La carta è un prodotto naturale rinnovabile e quindi abbastanza economico per la stampa di etichette. Tuttavia, la carta per etichette ha lo svantaggio di essere molto sensibile ai liquidi, agli oli, ai grassi, alla luce e alle sollecitazioni meccaniche (strappi). Sono la produzione e la finitura di un'etichetta di carta a determinarne la sua longevità.

 

Senza una protezione aggiuntiva sulla superficie, come ad esempio un rivestimento in lacca o in laminato, la durata di un'etichetta di carta è limitata, in particolarme per l'uso all'aperto. Quando le etichette sono stampate con un rivestimento in lacca o laminato, le etichette adesive hanno un aspetto lussuoso o elegante. A seconda del laminato che il cliente sceglie, l'azienda di stampa di etichette può fare un'etichetta extra lucida o produrre una versione opaca.
 

Per entrambe le varianti, la nostra azienda di stampa di etichette offre carta già patinata con una finitura opaca o lucida, che potrai selezionare quando ordini nel negozio online. Troverai anche carte metallizzate e fluorescenti, che garantiscono una maggiore visibilità delle tue etichette adesive. Le etichette stampate da questa carta sono spesso usate come etichette di prezzo o di offerte speciali.
 

Carte speciali per la stampa di etichette:

Nel processo di stampa termica, la carta termica è un tipo di carta molto speciale. Le etichette adesive hanno uno strato sensibile alla temperatura sul lato da stampare, che forma un colorante, per lo più nero, quando è esposto al calore. Tutti conoscono questo tipo di carta: è quella della cassa del supermercato o della bilancia della frutta e della verdura. Per i biglietti d'ingresso, i voucher, i biglietti e le ricevute della lotteria, vengono utilizzate qualità di carta termica più resistenti. Grazie alla carta più spessa, che ha una maggiore tolleranza alle sollecitazioni meccaniche, la qualità dell'immagine stampata si mantiene più a lungo.

 

Un caso speciale tra i tipi di carta per la stampa di etichette sono le carte ad alta opacità, cioè a bassa trasparenza. Le carte opache sono usate, per esempio, come inserti nelle confezioni dei medicinali o per le etichette opache, come quelle usate da Zalando per coprire le etichette di spedizione in ogni consegna. Questa alta opacità è prodotta dall'aggiunta di cariche o di un contenuto di legno più elevato (lignina). La luce e i raggi UV sono quasi completamente assorbiti da questo materiale.
 

Se hai altre domande sulle carte per etichette utilizzate nella stampa di etichette di Labelprint24, contatta gli esperti di stampa sulla nostra hotline.

Clicca qui per andare direttamente ai materiali per le etichette di carta.
 

 

3. MATERIALI E COLLA


Leim
Per quanto versatili siano le possibilità di applicazione delle etichette autoadesive e delle etichette a libretto, la gamma di colle per etichette è altrettanto ampia. Se si parte dalle proprietà adesive, gli adesivi per etichette possono essere divisi in due gruppi: quelli ad adesione permanente e quelli ad adesione rimovibile. Una combinazione di entrambi sono i cosiddetti adesivi semipermanenti sensibili alla pressione, che possono essere rimossi facilmente all'inizio, ma in seguito aderiscono saldamente a certi materiali. Per la forza adesiva delle "etichette rimovibili", una pratica standard del mercato riguarda i limiti di forza adesiva di 3 N/25 mm (equivalente a 1,2 N/10 mm). Per le etichette adesive permanenti, le forze adesive specificate sono 9 N/25 mm (equivalenti a 3,6 N/10 mm).


 

Le considerazioni preliminari per la giusta scelta del materiale nella stamperia di etichette derivano dalle condizioni esterne in cui le etichette finite saranno poi applicate: l'ambiente è umido o secco? La superficie è liscia o piuttosto ruvida? Si tratta di imballaggi di prodotti congelati a freddo o di prodotti caldi, come quelli che si incontrano di solito nella produzione alimentare o nelle panetterie?
 

3.1 Materiale di superficie per la stampa di etichette

Il materiale di superficie è il primo strato di un'etichetta. Questo strato viene stampato con un disegno durante la stampa dell'etichetta e può poi essere laccato, laminato o dotato di altre finiture. Quando si sceglie un materiale per etichette, le seguenti domande sono particolarmente importanti e dovrebbero essere pensate attentamente prima della stampa dell'etichetta:
 

  • A quali prodotti sarà applicata l'etichetta?
  • A quale temperatura sarà poi conservato il prodotto?
  • Sarà esposto a umidità, prodotti chimici, oli o grassi?
  • Quanto spazio è necessario sull'etichetta?
     

Una volta risposto a queste domande, è il momento di scegliere il materiale più adatto per la vostra stampa. Anche se ci sono etichette fatte di cartone, tessuto non tessuto, pelle, materiale tessile o foglio di alluminio, la stragrande maggioranza delle etichette autoadesive sono fatte di carta per etichette o film plastici, oppure una combinazione di questi due substrati.

Infine, le etichette possono essere divise in: etichette a colla umida o etichette autoadesive, secondo la tecnica di applicazione. Mentre nel caso delle etichette autoadesive l'adesivo è già presente sul retro del materiale dell'etichetta prima che l'etichetta venga stampata, le etichette con colla a umido hanno l'adesivo applicato solo poco prima di essere applicate. Questa tecnica di incollaggio è spesso usata con metodi di colla a freddo o colla a caldo per l'etichettatura di bottiglie di bevande, vini, liquori o lattine.

 

3.2 Adesivi vegani ed ecologici

Mentre in passato si usava spesso la colla d'ossa per incollare le etichette di colla umida, la maggior parte dei produttori di alimenti biologici sono passati a una colla contenente caseina. La caseina è una miscela di proteine derivate dal latte, usata come cibo, legante ed eccipiente farmaceutico. La colla contenente caseina è spesso usata in imballaggi riutilizzabili come le bottiglie di vetro.
 

Un'alternativa alla caseina è l'amido vegetale. Alcuni produttori di prodotti vegani usano un adesivo a base di amido invece di adesivi sintetici, che è considerato vegano al 100%. Tuttavia, gli adesivi a base di amido sono più difficili da maneggiare. 
 

Le etichette attaccate con la colla d'amido spesso si arricciano o si staccano e sono ancora più difficili da rimuovere dai contenitori di vetro rispetto a quelle che contengono la caseina. Gli adesivi per etichette completamente sintetici aderiscono molto meglio degli adesivi in amido, anche se non così bene come la caseina.
 

3.3 Etichettatura autoadesiva dopo la stampa dell'etichetta

parte il risparmio sui costi dovuto all'eliminazione dei contenitori di etichette e dei set di pallet, l'alta qualità di stampa e dell'adesivo e la possibilità di usare le etichette nel moderno No-Label-Look devono essere menzionati come punti positivi.
 

Potrebbero interessarti anche:


Stampa di etichette in Germania: Labelprint24


Noi, Labelprint24 siamo uno dei principali specialisti tedeschi di e-commerce per etichette e molti altri prodotti di imballaggio.  Nel settore della stampa, ci siamo guadagnati un'immagine come uno dei produttori di etichette più innovativi in Germania. 
   

Fachpack 2019: Labelprint24 punta su digitalizzazione e velocità

Tra le esposizioni più importanti degli specialisti della stampa digitale Zeithainer ci sono il nuovo "digiBOX" e i tubi di laminato stampati digitalmente. Con queste due innovazioni di prodotto di punta, è possibile ottenere un time-to-market più rapido. 
   

I flash di luce quando si stampano le etichette


Dopo aver stampato le etichette, le etichette adesive vengono punzonate dal rotolo di materiale con l'aiuto di una fustella o di un punzone laser. Se il motivo di stampa deve finire esattamente sul bordo dell'etichetta, possono apparire dei piccoli bordi bianchi - i cosiddetti flash.
   
4.8/5 Testimonianze dei clienti: 601

I cookies facilitano l´elaborazione della nostra offerta. Decidendo di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Maggiori informazioni