Compostabilità: quali leggi e norme esistono?

  • Più di 18 milioni di tonnellate di rifiuti di imballaggio sono generati in Germania ogni anno.
  • La nuova legge sugli imballaggi, la direttiva quadro sui rifiuti dell'UE e l'EN 13432 contengono specifiche severe per la produzione, la composizione e il riciclaggio degli imballaggi.
  • Anche se gli imballaggi compostabili offrono dei vantaggi, rappresentano anche una sfida per i produttori a causa dei severi requisiti legali.
  • Il compostaggio industriale è una soluzione reale solo nelle giuste condizioni.
 

BILANCIO (AMBIENTALE): IMBALLAGGIO E SOSTENIBILITÀ

I rifiuti di imballaggio sono un problema significativo, soprattutto nelle quantità generate oggi. Solo in Germania, la quantità totale nel 2017 è stata di 18,7 milioni di tonnellate, secondo l'Agenzia federale dell'ambiente. L'Ufficio federale di statistica riporta un volume di rifiuti di imballaggio raccolti di 5,7 milioni di tonnellate nel 2018, e questo solo a livello domestico.

Parte del problema è che l'imballaggio è inevitabile in quanto nel trasporto, nel riconfezionamento o nella vendita, protegge praticamente ogni tipo di bene. Dal 1991, l'ordinanza sugli imballaggi assicura che i relativi rifiuti siano smaltiti in modo ecologico e integrati in un'economia circolare. Bisogna dire che l'ordinanza funziona: quasi il 70% dei rifiuti di imballaggio è stato riciclato nel 2017, e il tasso di riciclaggio complessivo è stato del 97%. Tuttavia, il riciclaggio e l'evitare la produzione di rifiuti, inizia proprio con la produzione di materiali da imballaggio. I materiali che sono più facili da riciclare e che richiedono meno risorse nella produzione migliorano anche l'ecobilancio nell'intero ciclo dei materiali.

 

OBBLIGO DI LEGGE: I TASSI DI RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO DEVONO AUMENTARE

La nuova legge sugli imballaggi (VerpackG), che ha sostituito l'ordinanza sugli imballaggi, è in vigore dal 2019. Essa ruota essenzialmente intorno alla regolamentazione della responsabilità del prodotto per l'imballaggio. La legge stabilisce che i produttori di imballaggi sono responsabili del corretto smaltimento. Due misure sono destinate ad aiutare in questo senso:
 

  • Chiunque metta sul mercato prodotti di imballaggio deve registrarsi presso l'Organismo Centrale (Zentrale Stelle), includendo un rapporto obbligatorio sulla quantità e una dichiarazione di completezza. L'obiettivo di questo obbligo di registrazione è una maggiore trasparenza e un migliore monitoraggio.
  • I requisiti già elevati per la riciclabilità degli imballaggi stanno aumentando di nuovo in modo significativo con la legge sugli imballaggi. A partire dal 2022, i tassi di riciclaggio di alcuni materiali saranno fino al 30% più alti di prima.
 


Il sistema duale tedesco in materia di gestione dei rifiuti, ovvero il sistema che si occupa della raccolta e dello smaltimento domestico degli imballaggi di vendita, deve presentare ogni anno un rapporto sull'attuazione dei requisiti all'Organo Centrale e all'Agenzia federale dell'ambiente. È anche obbligato a creare incentivi per aumentare l'uso di materiali altamente riciclabili e imballaggi con alta riciclabilità dei materiali.
 

Oltre a questo, è ovviamente nell'interesse dei produttori produrre nel modo più sostenibile possibile. La sostenibilità come criterio di acquisto è ormai diffusa tra i consumatori, e per molti versi i benefici ambientali ricadono sui produttori.


 

COSA SIGNIFICA COMPOSTABILITÀ A LIVELLO INDUSTRIALE?

Tassi di riciclaggio più alti per tutti i materiali da imballaggio comportano naturalmente un esame più profondo dei materiali e dei processi adatti. Gli imballaggi biodegradabili in generale, e quelli compostabili in particolare, dovrebbero aiutare ad evitare il più possibile, in futuro, gli imballaggi di plastica a base di petrolio.

All'interno del sistema di certificazione europeo, per gli imballaggi in plastica compostabile, vengono utilizzati diversi loghi a seconda del paese.

Oltre ai certificati per la compostabilità industriale, ci sono altri sistemi di certificazione per gli imballaggi di plastica che possono essere scomposti nel compost domestico.

Le dimensioni per lo smaltimento e il riciclaggio si muovono a livello industriale. Questo non è solo dovuto alle gigantesche quantità di rifiuti da imballaggio che devono essere trattati; le plastiche compostabili richiedono anche condizioni diverse per decomporsi.
 

EN 13432: REGOLE CHIARE PER LA COMPOSTABILITÀ

I requisiti che gli imballaggi di plastica devono soddisfare per essere considerati compostabili sono stabiliti nella norma EN 13432.

Questa norma contiene specifiche sui valori limite per i metalli pesanti e altri elementi. Definisce anche le condizioni di biodegradazione, i risultati dei processi di decomposizione e gli effetti sulla qualità del compost.

 

Questi requisiti sono testati con vari metodi di prova. Se un imballaggio soddisfa questi requisiti, riceve un certificato che conferma la sua compostabilità. La certificazione è anche legata alle specifiche; per esempio, la norma EN 13432 richiede che tutti i materiali di imballaggio utilizzati siano compostabili e non contengano additivi dannosi per l'ambiente.
 

COMPOSTABILITÀ VS. PRATICA QUOTIDIANA: UN RAPPORTO DIFFICILE

Molti pacchetti sono composti da più di un materiale. Non appena è coinvolta anche la plastica, diventa più difficile restituirla al ciclo dei materiali. Gli alti requisiti imposti agli imballaggi di plastica compostabili rendono anche lo sviluppo una vera sfida per i produttori, non solo per le proprietà che devono avere i materiali utilizzati.

Soprattutto, è sempre necessario soppesare come il requisito dell'uso esclusivo di plastiche biodegradabili si rapporta all'idoneità nell'uso quotidiano.

Questo vale sia per la produzione (comprese le specifiche per la protezione delle merci imballate) che per l'uso. I sacchetti richiudibili o imballaggi simili, per esempio, offrono al consumatore un alto grado di comodità, ma difficilmente possono essere prodotti su una base completamente biodegradabile o compostabile secondo le specifiche attuali.

 


 

In termini di compostabilità, soluzioni soddisfacenti non sono quindi sempre possibili o disponibili. In queste condizioni, o si porta pazienza fino a quando tali innovazioni non sono fattibili o i produttori devono ricorrere ad alternative. In questo contesto, il riciclaggio sta diventando ancora più importante per l'industria dell'imballaggio come alternativa sostenibile.

 

DALL'IMBALLAGGIO AL COMPOST: IL COMPOSTAGGIO INDUSTRIALE DEGLI IMBALLAGGI DI PLASTICA

Per la gestione dei rifiuti in generale, la direttiva quadro sui rifiuti dell'UE (2008/98/CE) stabilisce i requisiti per la legislazione nazionale degli Stati membri. L'articolo 4 include la gerarchia dei rifiuti, in cui la prevenzione dei rifiuti è il vertice auspicabile.

Al di sotto di questo seguono diversi metodi di trattamento dei rifiuti, con lo smaltimento senza alcun recupero di energia o materie prime come livello base. In mezzo ci sono diverse gradazioni di riciclaggio, tutte teoricamente possibili per le plastiche biodegradabili.

Il compostaggio industriale rientra nella categoria del riciclaggio dei materiali e di solito si svolge in tre fasi:

  1. Fase di preparazione: la prima fase prevede la triturazione e il compostaggio dei rifiuti. Questo comporta riarrangiamenti multipli in modo che i componenti si mescolino meglio tra loro.
  2. Seconda fase: per ottenere il processo di decomposizione desiderato, si aggiungono ossigeno e umidità in condizioni controllate. Questo crea condizioni ottimali per la decomposizione.
  3. Terza fase: nella fase finale, i processi di decomposizione si placano e assicurano la stabilizzazione del materiale. In questo modo, il compost fresco diventa compost finito.


Ci sono diverse linee guida in tutta l'UE quando si tratta del trattamento delle plastiche biodegradabili nel processo di compostaggio.
 

COMPOSTABILITÀ: UNA VISIONE CRITICA

Un aspetto importante da considerare in relazione al compostaggio industriale degli imballaggi di plastica è il beneficio del metodo. Secondo l'Agenzia Federale dell'Ambiente, il compostaggio ha senso solo se dalla degradazione deriva un beneficio aggiuntivo. Per le plastiche biodegradabili in generale, questo è possibile solo in casi eccezionali ed è considerato dubbio per gli imballaggi compostabili. L'Associazione federale di qualità per il compost (Bundesgütegemeinschaft Kompost e.V.), per esempio, critica vari aspetti del compostaggio, tra cui:

  • la mancanza di beneficio delle plastiche biodegradabili per i necessari processi di degradazione
  • il mancato utilizzo del valore energetico di questi rifiuti, e
  • il rischio di particelle ancora presenti nel compost dopo il trattamento, che possono essere considerate una sostanza estranea.


A questo proposito, la compostabilità per gli imballaggi in plastica è utile solo se fornisce un reale beneficio all'interno del ciclo dei materiali riciclabili. Il fatto che le plastiche fatte con materie prime rinnovabili abbiano questo potenziale non può essere negato, se non altro per la possibile conservazione delle risorse.

Tuttavia, quando si parla di riciclaggio, bisogna tenere conto del costo e dei risultati dei processi utilizzati: se questi soddisfano i requisiti e le aspettative solo in un piccolo numero di casi, altri metodi, come il riciclaggio, possono essere l'alternativa migliore.

 

Potrebbero interessarti anche:


Compostabile, riciclabile & Co


I temi della difesa della natura, della protezione dell'ambiente e della sostenibilità stanno diventando sempre più importanti in tutti i settori della vita. I materiali sostenibili e riciclabili sono quindi un fattore importante nella nostra industria.
   

Il confronto: imballaggio compostabile o convenzionale?

La proporzione di imballaggi biodegradabili o addirittura compostabili è ancora piccola ma il mercato c'è, perché le alternative sostenibili agli imballaggi convenzionali sono richieste sia dai consumatori che dal lato della politica.
   

Cartone naturale per scatole pieghevoli che stupiscono

Il cartone naturale ha guadagnato molto in popolarità come materiale da imballaggio negli ultimi anni. L'imballaggio consiste spesso nel ben noto cartone marrone.
 
   
4.8/5 Testimonianze dei clienti: 601

I cookies facilitano l´elaborazione della nostra offerta. Decidendo di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Maggiori informazioni