Scelta libera del formato Scelta libera del formato
Consegna gratuita Consegna gratuita
Qualità dal 1961 Qualità dal 1961
Più di 15000 clienti soddisfatti Più di 15000 clienti soddisfatti

Questo è ciò che la moderna stampa di imballaggi deve saper fare

 
  • I produttori di marchi si aspettano prodotti di imballaggio unici e di alta qualità, ma sono sempre più attenti alla sostenibilità nella stampa degli imballaggi.
  • I processi di stampa e le condizioni di produzione possono essere resi più sostenibili in vari modi - ma come si può raggiungere questo obiettivo con i processi di stampa?
  • Gli inchiostri e i pigmenti non devono essere solo visivamente convincenti, ma anche il loro impatto sul ciclo di riciclaggio deve essere preso in considerazione. Devono quindi non solo proteggere il cibo confezionato, o comunque il prodotto contenuto, ma anche l'ambiente.
  • Inchiostri di stampa diversi, risultati di riciclaggio diversi: in generale, rispetto a un tempo, i produttori stanno prestando più attenzione a garantire un migliore riciclaggio dei loro inchiostri da stampa e dei prodotti di imballaggio associati.



Quando si parla di imballaggio e della questione sostenibilità, l'attenzione si concentra di solito sui materiali utilizzati. Ma questo è solo uno dei tanti aspetti: anche gli inchiostri e i pigmenti usati nella stampa degli imballaggi giocano un ruolo importante. Questi devono soddisfare specifiche rigorose, soprattutto nel settore alimentare, e allo stesso tempo essere composti in maniera più sostenibile possibile.

Questo è ciò che la moderna stampa di imballaggi deve saper fare

I produttori di marchi sono piuttosto esigenti quando si tratta dei requisiti per la stampa di imballaggi. Questo vale tanto per la qualità dei prodotti stampati quanto per la flessibilità sufficiente a poter soddisfare desideri speciali. E naturalmente anche il fattore sostenibilità è sempre più importante.

Soluzioni di stampa per ogni esigenza

L'imballaggio è una parte importante per i prodotti di marca. Dopo tutto, devono essere convincenti nel contatto diretto con il cliente nel negozio e, se possibile, superare la concorrenza. Di conseguenza, tutte le possibilità che la stampa di imballaggi ha da offrire sono esaurite:

 
  • Offerte flessibili: le aziende che hanno imballaggi stampati in lunghe tirature di solito si affidano alla stampa rotocalco. Ma quando si tratta di piccole tirature con stampe personalizzate, la stampa digitale rimane la prima scelta.
  • Aspetto nobile, sensazione piacevole: colori brillanti, elementi metallici o verniciatura parziale (opaca) - i produttori di marchi hanno le idee chiare sull'aspetto e usano ogni tecnica di stampa e finitura che può creare un look unico; soprattutto perché questo contribuisce a una sensazione piacevole.
 

 

Rendere la stampa di imballaggi più sostenibile - ma come?

Quando si tratta di sostenibilità, il principio di "riduzione" prevale tra i produttori di marchi, che scelgono un design di imballaggio minimalista che si accontenta di pochi colori. Il focus è anche su materiali e processi di stampa più sostenibili.

In effetti, i cambiamenti e i risparmi sono possibili in tutto il processo di stampa: attrezzature più efficienti con tempi di preparazione brevi, migliori filtri per i prodotti chimici o una migliore rigenerazione per le soluzioni di sviluppo aiutano a conservare le risorse in molti passaggi della produzione.

Tuttavia, il fattore centrale della sostenibilità rimane il materiale di lavoro più importante nell'industria della stampa: l'inchiostro. In aree sensibili (ad esempio il contatto con i prodotti alimentari), l'inchiostro deve comunque soddisfare i più alti standard di sicurezza sanitaria. Ma questo lo rende automaticamente innocuo per l'ambiente?
 

 

Meglio prevenire che curare: inchiostri e pigmenti di stampa in settori sensibili

Un settore sensibile in cui vengono utilizzati inchiostri e pigmenti da stampa è l'imballaggio alimentare; soprattutto quando l'inchiostro entra in contatto diretto con il cibo. Gli imballaggi per gli alimenti devono quindi essere prodotti secondo chiari requisiti legali. In particolare:

 
  • non devono rilasciare alcun ingrediente o costituente nel cibo confezionato che rappresenti un rischio per la salute dei consumatori;
  • non devono causare alcun odore, sapore o altro cambiamento inaccettabile nel cibo;
  • sono prodotti solo in conformità con i requisiti delle norme di buona fabbricazione.

Per garantire il rispetto di questi requisiti, esiste tutta una serie di regolamenti e leggi sia a livello europeo che nazionale. Questi includono, per esempio, il Food and Feed Code, l'ordinanza sui beni di consumo, o il regolamento quadro CE (1935/2004) per i materiali e gli oggetti che vengono a contatto con gli alimenti. Ciò che manca ancora, tuttavia, è una regolamentazione uniforme per gli inchiostri da stampa sugli imballaggi alimentari. Tuttavia, una bozza attuale del cosiddetto regolamento sugli inchiostri da stampa si trova presso la Commissione europea dal 2020.

Oltre a questi, ci sono naturalmente linee guida e specifiche formulate dall'Associazione tedesca dell'industria delle vernici e degli inchiostri da stampa (Verband der deutschen Lack- und Druckfarbenindustrie e.V.). (VdL). Inoltre, la European Printing Ink Industry Association EuPIA sostiene anche iniziative per migliorare il riciclaggio di carta stampata e imballaggi di cartone nella direzione di un minore impatto negativo sull'ambiente.
 

 

Politica di esclusione EuPIA per gli inchiostri da stampa

Già dal 1996 l'industria europea degli inchiostri da stampa si è impegnata in una politica comune di esclusione volontaria. Questa riguarda alcune materie prime che non dovrebbero essere utilizzate nella fabbricazione di inchiostri da stampa e prodotti correlati.

Le ragioni principali di questa politica di esclusione sono la protezione della salute e la sicurezza del prodotto. I produttori dovrebbero essere guidati dalle linee guida delle buone pratiche di fabbricazione.
 

Come possono diventare più sostenibili gli inchiostri e i pigmenti da stampa

Processi di stampa più sostenibili che usano meno risorse sono solo un lato della medaglia. Quando si parla di opportunità per una maggiore sostenibilità nella stampa di imballaggi, una domanda centrale deve essere: in che modo gli inchiostri da stampa e i pigmenti possono contribuire a questo obiettivo? Ci sono vari approcci a questo.
 

Inchiostri da stampa ecologici - c'è di più

Quando si parla di inchiostri da stampa ecologici, non basta guardare solo il prodotto finito ma è necessaria una visione olistica che prenda in considerazione:

 
  • l'intero ciclo del prodotto, dallo sviluppo allo smaltimento, così come
  • tutti i prodotti correlati (primer, vernici sigillanti, vernici di sovrastampa e materiali di lavaggio).
 

Questo è un compito impegnativo perché gli impatti ambientali indesiderati possono verificarsi in molti punti tra la produzione dell'inchiostro, il processo di stampa e lo smaltimento. Perciò, non si tratta solo di garantire che tutti i componenti di un inchiostro da stampa siano compatibili con l'ambiente e sostenibili. Idealmente, bisogna che seguano anche una lavorazione più sostenibile (meno consumo di energia durante l'essiccazione, meno input chimico durante il riciclaggio e molto altro).
 

Materie prime rinnovabili per inchiostri da stampa offset

Gli inchiostri da stampa offset rappresentano circa il 40% della domanda europea di inchiostri da stampa. La maggior parte di questi inchiostri può ormai fare a meno di leganti sintetici a base di olio minerale. Invece, gli oli vegetali e le resine degli alberi sono sempre più utilizzati nel processo di produzione.

 

Per quanto sia gradito il ritorno alle materie prime rinnovabili per gli inchiostri da stampa (erano già utilizzati agli albori della stampa tipografica), anche in questo caso non si possono escludere possibili conseguenze ecologiche; soprattutto per quanto riguarda i metodi di coltivazione agricola delle piante da olio necessarie.

I fertilizzanti, i pesticidi e il consumo di terra deprimono il bilancio ecologico positivo. Così, il vantaggio ecologico rispetto ai prodotti del petrolio greggio si riduce.
 

Inchiostri da stampa a base d'acqua per l'imballaggio

Un altro approccio è quello di utilizzare inchiostri da stampa a base d'acqua che non contengono solventi. In linea di principio, questo è già un vantaggio perché rende l'inchiostro più compatibile con le persone e l'ambiente, almeno durante la fabbricazione e la produzione in quanto solo piccole quantità di composti organici volatili fuoriescono durante l'essiccazione. Tuttavia, a seconda del substrato, l'asciugatura può richiedere più energia che con gli inchiostri a base di solvente; questo riguarda in particolare il caso della plastica o dei metalli. Inoltre, gli inchiostri a base d'acqua causano ancora spesso difficoltà nel processo di riciclaggio, soprattutto nel riciclaggio degli imballaggi di carta e cartone.
 
Che cos'è in realtà il "de-inking"?

Il termine inglese "de-inking" si riferisce al processo con cui l'inchiostro viene rimosso dalla carta. Il processo fa parte della preparazione per il riciclaggio della carta da macero stampata . Lo svantaggio: questo funziona solo utilizzando varie sostanze chimiche (come tensioattivi, perossido di idrogeno, ecc.) che rappresentano un potenziale carico ambientale. Il deinking non è quindi del tutto privo di problemi.

Ciò è dovuto principalmente dal fatto che gli inchiostri possono essere separati solo in modo parziale dalle fibre della carta - e quindi lasciano tracce. I cosiddetti "punti di sporco" impediscono la creazione di materiali di riciclaggio di alta qualità. Tuttavia, il riuscire a togliere gli inchiostri da stampa è un criterio di riciclabilità che perdura già da alcuni anni, circa i requisiti dell'etichetta ecologica europea per i prodotti stampati. In questa direzione, molti produttori di inchiostro da stampa stanno lavorando su soluzioni che siano più riciclabili.
 

Pigmenti compostabili

Il compostaggio è sempre più citato come alternativa alle opzioni di riciclaggio convenzionali. La cosiddetta bio-plastica, in particolare, potrebbe essere riciclata in un modo completamente nuovo.

In pratica, però, questo si è dimostrato difficile finora. Il compostaggio funziona solo in condizioni molto speciali che in realtà solo gli impianti di compostaggio industriali possono fornire. Inoltre, non basta sviluppare una plastica compostabile come imballaggio: il regolamento EN 13432 per la prova di compostabilità stabilisce che tutti i componenti devono essere testati, così come i colori, gli adesivi, le etichette e, se necessario, anche il contenuto dell'imballaggio.






I pigmenti sono considerati additivi in questo contesto e non devono compromettere il processo di compostaggio. Questo può avere successo solo con la giusta chimica dei pigmenti.

In linea di principio, la colorazione delle bioplastiche non è affatto un problema. Il fattore decisivo è piuttosto che il limite dell'1% per gli additivi non biodegradabili nell'imballaggio non venga superato. Gli additivi già disponibili che soddisfano i criteri per le bioplastiche compostabili sono attualmente ancora troppo costosi per un uso diffuso nella stampa degli imballaggi.
 
4.8/5 Testimonianze dei clienti: 674

I cookies facilitano l´elaborazione della nostra offerta. Decidendo di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Maggiori informazioni