Il confronto: imballaggio compostabile o convenzionale?

  • Gli imballaggi compostabili promettono un migliore bilancio ambientale e un riciclaggio più sostenibile, ma è vero?
  • Le plastiche biodegradabili si stanno affermando con forza in una varietà di industrie e in una vasta gamma di applicazioni.
  • "Compostabile" non significa automaticamente "ecologico". Vari fattori (materie prime utilizzate, biodegradabilità dei prodotti di imballaggio) devono essere considerati in modo critico.


La proporzione di imballaggi biodegradabili o addirittura compostabili (misurata rispetto al volume totale dei rifiuti di imballaggio) è ancora piccola ma il mercato c'è, perché le alternative sostenibili agli imballaggi convenzionali sono richieste sia dai consumatori che dal lato della politica.

ALTERNATIVE COMPOSTABILI PER DIVERSI SCOPI DI IMBALLAGGIO

Ecco perché gli imballaggi compostabili sono ora disponibili per diverse aree di prodotto. Il cibo, specialmente la frutta e la verdura, per esempio, può essere confezionato in ciotole in modo sostenibile e biodegradabile.

Le borse per le spedizioni possono essere fatte di bioplastica e persino le capsule di caffè sono disponibili in versione compostabile. Molti comuni usano anche sacchetti di rifiuti biologici che possono essere smaltiti insieme ai rifiuti organici.

Ci sono diversi usi per le plastiche biodegradabili. Secondo l'indagine di EPANetwork, i più comuni sono:

- Sacchetti di raccolta per i rifiuti organici
- Applicazioni mediche
- Pellicole (per esempio pellicole per pacciamatura o per altri scopi)
- Materiale di riempimento
- Prodotti per la ristorazione
- Prodotti agricoli
- Sacchetti per la raccolta di escrementi di cane
- Confezioni, per esempio, per le bustine di tè

Fonte: European Network of Environmental Protection Agency Managers (EPANetwork) - Plastiche biodegradabili. Approcci e lezioni apprese da 16 stati membri della rete EPA.

BIOBASED, BIODEGRADABILE - O ENTRAMBI?

I materiali di imballaggio compostabili sono in linea di principio biodegradabili ma richiedono condizioni speciali per farlo, ovvero impianti di compostaggio industriale, mentre le plastiche biodegradabili si decompongono anche nel suolo o nell'acqua dolce e marina.

Il successivo riciclaggio come compost richiede anche che le materie prime siano selezionate in modo appropriato durante la produzione; per questo motivo, le plastiche compostabili si trovano a metà tra le plastiche biobased (a base biologica) e biodegradabili.

La terminologia riguardo le plastiche biodegradabili non è particolarmente semplice e richiede un alto grado di differenziazione per evitare che le plastiche biobased, quelle biodegradabili e le bioplastiche si confondano o vengano erroneamente usate come sinonimi.

"Per evitare malintesi, si raccomanda di utilizzare il termine “plastiche biobased” invece di “bioplastiche” quando ci si riferisce a plastiche che sono state prodotte, in misura significativa o completamente, con materie prime rinnovabili."

Fachagentur Nachwachsende Rohstoffe e.V.


Il fatto che i termini siano così vicini tra loro maschera le differenze fondamentali:
 

  • Per le plastiche "bio-based", le materie prime organiche sono ottenute da fonti rinnovabili (come mais, grano, barbabietole da zucchero, ...). Questi, a loro volta, non devono essere "bio" nello stesso senso del cibo biologico, ma possono provenire da coltivazioni tradizionali.
    Le plastiche a base biologica non devono essere necessariamente biodegradabili. Il bio-PET o il bio-PVC, per esempio, sono bio-based nella produzione ma non possono essere biodegradati.
  • Le plastiche "biodegradabili", invece, non devono essere fatte con materie prime organiche. Infatti, esistono anche le plastiche petrolchimiche, cioè quelle prodotte a partire dal petrolio o dal gas naturale che sono comunque biodegradabili, ma non biobased. Inoltre non sono adatti al compostaggio.


Nel mezzo, c'è un'intersezione di materie plastiche che hanno entrambe le proprietà. Sono di particolare interesse dal punto di vista della sostenibilità, poiché sembrano avere le migliori proprietà ecologiche dalla produzione al riciclaggio. Tuttavia, il fatto che siano anche compostabili deve essere prima confermato in lunghe e complesse procedure di test.

ESEMPI: DALLA PLASTICA BIOBASED A QUELLA BIODEGRADABILE

Le plastiche biobased sono ottenute principalmente da tre materie prime:
 

  • Amido: da patate, grano, mais o altre parti di piante.
  • Zucchero: dalla barbabietola o dalla canna da zucchero e dalla cellulosa
  • Cellulosa: dal cotone o da altre piante


Le plastiche a base biologica possono essere prodotte da queste materie prime utilizzando vari processi e sostanze.

I plastificanti e i plastificanti naturali, per esempio, trasformano l'amido in "amido termoplastico" (TPS) sotto forma di granuli. I termoplastici possono anche essere ammorbiditi e modellati a temperature più alte senza perdere le loro proprietà chimiche.

L'aggiunta di ulteriori componenti polimerici porta a un prodotto finale resistente all'acqua. È possibile ottenere questo risultato anche modificando chimicamente l'amido; ciò comporta, però, un fattore di costo considerevole.

A seconda degli additivi e del metodo di lavorazione (destrutturazione, riempimento o fermentazione), vengono creati diversi prodotti dall'amido naturale e modificato.

Questi includono amido termoplastico, miscele di amido, materiali riempiti di amido e polimeri come PLA e PHA.


A seconda degli additivi e del metodo di lavorazione (destrutturazione, riempimento o fermentazione), vengono creati diversi prodotti dall'amido naturale e modificato.

Questi includono amido termoplastico, miscele di amido, materiali riempiti di amido e polimeri come PLA e PHA.

Le plastiche biobased basate sull'acido lattico sono qualcosa di diverso. L'acido polilattico, nella sua forma polimerizzata (PLA), ha un'alta resistenza, trasparenza ed è termoplastico tanto quanto le plastiche a base di amido.

I suoi principali vantaggi sono la produzione a basso costo e la sua somiglianza con le plastiche convenzionali. Questo significa che il PLA può essere prodotto e utilizzato in un'ampia varietà di forme, come pellicole, lattine o tazze. Inoltre, le proprietà possono essere variate.

Allo stesso tempo, però, la produzione richiede un alto grado di purezza delle materie prime che può essere raggiunta solo con grandi spese. A seconda della loro composizione, i prodotti PLA sono anche difficilmente degradabili.

Anche l'acido poliidrossibutirrato (PHB) può essere usato in vari modi, e il biopolimero può essere prodotto con diversi metodi. Le sue proprietà sono molto simili al polipropilene, soltanto che è biodegradabile. Tuttavia, la produzione industriale è complessa e richiede grandi quantità di zucchero.

I materiali termoplastici sono particolarmente adatti alla trasformazione in prodotti da imballaggio. Ciò deriva dal fatto che hanno un buon effetto barriera e impermeabilità agli odori, e possono essere lavorati in modo eccellente dalla macchina.

La gamma di possibili utilizzi si estende dai sacchetti e dalle ciotole di frutta e verdura, ai vasetti di yogurt, bottiglie, tubetti e lattine. Le soluzioni di imballaggio compostabili sono ora disponibili sul mercato; tuttavia, non sono ancora completamente sviluppati in termini di riciclabilità, perciò sono necessarie ulteriori ricerche.

IMBALLAGGI COMPOSTABILI TRA DESIDERIO E REALTÀ

Il criterio decisivo per gli imballaggi compostabili rispetto agli imballaggi di plastica convenzionali è il maggior beneficio ecologico. Tuttavia, è proprio questo ciò che deve essere verificato sotto molti aspetti.

Infatti, questo beneficio deve essere sempre considerato in relazione al compito primario dell'imballaggio, ovvero la protezione del prodotto - e non solo per i prodotti alimentari deperibili. L'imballaggio deve offrire sicurezza e fornire una barriera efficace contro i danni o altre influenze esterne; solo così si può garantire l'integrità delle merci e la durata di conservazione degli alimenti.

 

D'altra parte, i produttori sono obbligati sia dalla legge che dai consumatori a offrire soluzioni ragionevoli quando si tratta della riciclabilità degli imballaggi. Per quanto promettenti possano sembrare i materiali di imballaggio compostabili, i requisiti sono altrettanto elevati. La questione è capire se il confezionamento senza compromessi sia un'opzione reale e quindi fattibile, facendo riferimento ai seguenti criteri:

  • Combinare la protezione del prodotto e la biodegradabilità senza che l'una comprometta l'altra e viceversa.
  • Allo stesso tempo, essere prodotti e venduti a prezzi bassi.
  • ed infine essere anche biodegradabili al 100%.
 

VALORE ECOLOGICO? CONTROLLIAMO

Quindi non si tratta solo del bilancio ecologico, anche se questo è ovviamente un fattore chiave per gli imballaggi compostabili, bensì anche di condizioni di produzione e di costi a livello economico.
 

Controllo 1: efficienza economica

In linea di principio, ci sono plastiche bio-based economicamente convenienti che sono anche biodegradabili. Tuttavia, questo non vale per tutte. La produzione di PHB, per esempio, non è ancora possibile su scala industriale.

Oltre a questo, la domanda di plastica prodotta da materie prime rinnovabili sta aumentando in quanto può essere usata in molte industrie. In determinate circostanze, questo potrebbe portare a un aumento del prezzo delle materie prime e, allo stesso modo, ciò potrebbe avere conseguenze sui processi di produzione che diventerebbero più costosi.

 

Controllo 2: materie prime

Innanzitutto, rispetto alle plastiche convenzionali, le plastiche a base biologica hanno in realtà un bilancio ecologico migliore. Questo è in parte dovuto al fatto che sia la produzione che lo smaltimento causano meno CO2. Inoltre, sono escluse le materie prime non rigenerabili come il petrolio greggio.

D'altra parte, il mais, le patate, il grano o la canna da zucchero sono solitamente ottenuti dalla coltivazione tradizionale. Ecologicamente, l'uso di fertilizzanti e pesticidi non è un vantaggio, ma un carico ambientale significativo.

 

Controllo 3: biodegradabilità

“Dall'imballaggio al compost” sembra quasi un modo eccellente per riciclare gli imballaggi, ma nonostante i severi requisiti legali riguardo la compostabilità, questo non ha finora offerto i benefici desiderati.

Questo perché il processo di decomposizione produce principalmente CO2 e acqua. La proporzione di compost riciclabile è relativamente piccola, e anche il suo uso come compost di alta qualità è dubbio.

Questo svantaggio è dovuto anche ai processi di compostaggio industriale che permettono periodi di tempo relativamente brevi per la decomposizione. L'Agenzia Federale dell'Ambiente e altri istituti concludono quindi che, allo stato attuale, l'incenerimento è la soluzione più sensata. In questo modo, si può almeno ottenere un recupero di energia.

 

CONCETTI PER IL FUTURO

Il mercato dei materiali da imballaggio biodegradabili o addirittura compostabili è comunque in continuo sviluppo ed include miglioramenti in termini di estrazione di materie prime (dai rifiuti organici, per esempio) e di riciclaggio/riciclabilità.

Inoltre, non bisogna dimenticare l'enorme importanza del riciclaggio nella gestione degli imballaggi. Gli imballaggi "convenzionali" possono essere (ri)riciclati molto meglio nel ciclo dei materiali. Naturalmente, c'è ancora spazio per migliorare.

In ogni caso, i materiali riciclabili rimangono l'obiettivo più importante per Labelprint24 quando si tratta di imballaggi e processi produttivi sostenibili. I prodotti di imballaggio compostabili sono tuttavia una tendenza futura che non ha ancora potuto sfruttare tutto il suo potenziale. Ulteriori sviluppi mostreranno fino a che punto la compostabilità degli imballaggi può affermarsi come una vera alternativa al riciclaggio.

Potrebbero interessarti anche:


Compostabilità: quali leggi e norme esistono?

I rifiuti di imballaggio sono un problema significativo, soprattutto nelle quantità generate oggi. Solo in Germania, la quantità totale nel 2017 è stata di 18,7 milioni di tonnellate, secondo l'Agenzia federale dell'ambiente.
   

Compostabile, riciclabile & Co

I temi della difesa della natura, della protezione dell'ambiente e della sostenibilità stanno diventando sempre più importanti in tutti i settori della vita. I materiali sostenibili e riciclabili sono quindi un fattore importante nella nostra industria.
   

Cartone naturale per scatole pieghevoli che stupiscono

Il cartone naturale ha guadagnato molto in popolarità come materiale da imballaggio negli ultimi anni. L'imballaggio consiste spesso nel ben noto cartone marrone.
   
4.8/5 Testimonianze dei clienti: 601

I cookies facilitano l´elaborazione della nostra offerta. Decidendo di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Maggiori informazioni