Scelta libera del formato Scelta libera del formato
Consegna gratuita Consegna gratuita
Qualità dal 1961 Qualità dal 1961
Più di 15000 clienti soddisfatti Più di 15000 clienti soddisfatti

Più riciclo, meno discariche: il pacchetto sull'economia circolare dell'ue

  • Con il pacchetto sull'economia circolare dell'UE si sono cercati mezzi per migliorare il riciclaggio - soprattutto della plastica - in tutta Europa.
  • Le quote di riciclaggio più alte sono già state prese in considerazione nelle leggi tedesche, e dal 2022 saranno ancora più severe. La quota per gli imballaggi di plastica sarà allora del 63%.
  • Le innovazioni legali sono anche destinate a sostenere l'uso dei prodotti riciclati. Le materie prime secondarie riciclate giocano un ruolo importante nell'economia circolare e il loro potenziale non è ancora esaurito.
  • Pertanto, il pacchetto sull'economia circolare dell'UE deve essere ampliato per includere quote vincolanti per l'uso dei riciclati.




Il tema dell'economia circolare non è affatto nuovo nell'UE: il pacchetto sull'economia circolare della Commissione europea è stato adottato già nel 2018, dopo tre anni di discussioni sul contenuto delle proposte. Ora, secondo la volontà del Parlamento europeo, un inasprimento delle norme sui rifiuti è all'ordine del giorno. Tra le altre cose, questo ha lo scopo di migliorare le opportunità di mercato per i materiali riciclati.


Con il suo pacchetto sull'economia circolare l'UE aveva puntato niente meno che a un ruolo pionieristico internazionale. Meno rifiuti, migliore riciclaggio, quote di riciclaggio chiare: questo dovrebbe riuscire a ridurre significativamente la produzione di rifiuti negli Stati membri.
 

Nuove regole per una migliore gestione dei rifiuti

La leadership globale dovrebbe essere assicurata dai regolamenti del pacchetto sull'economia circolare dell'UE del 2015 con lo scopo di evitare i rifiuti quando è possibile o altrimenti imporre un maggiore riciclaggio dei rifiuti urbani e di imballaggio. Passo dopo passo, secondo i piani della Commissione UE, questo dovrebbe completare il percorso dalla discarica a una migliore economia circolare. La "gerarchia dei rifiuti" su cui si basa la legislazione, obbliga gli stati membri dell'UE ad adottare misure specifiche. Queste misure si concentrano sulla prevenzione, il riutilizzo e il riciclaggio invece della discarica e dell'incenerimento. La responsabilità estesa del produttore, per esempio, è stata da allora uno dei mezzi per raggiungere gli obiettivi fissati.

Inoltre, i regolamenti sui rifiuti prevedono nuovi obiettivi di riciclaggio che saranno successivamente aumentati fino al 2035. Ciò è facilitato, tra l'altro, da un'espansione della raccolta differenziata. Oltre agli obblighi esistenti per la raccolta(riguardanti carta e cartone, vetro, metallo e plastica), si aggiungono alcune novità:

 
  • raccolta differenziata per i rifiuti domestici pericolosi dal 2022,
  • raccolta differenziata dei rifiuti organici dal 2023,
  • raccolta separata di tessili dal 2025.


Inoltre, i regolamenti prevedono di ridurre, entro il 2035, la quota di rifiuti urbani inviati alle discariche a meno del 10% del totale dei rifiuti urbani generati.

Attuazione dei nuovi regolamenti in Germania

Il pacchetto UE sull'economia circolare è stato pubblicato già il 13 giugno 2018, per poi diventare valido dal 4 luglio 2018. Il recepimento nel diritto tedesco (per il quale c'è un termine di 24 mesi) ha interessato diverse direttive. Sono stati fatti degli adattamenti su:

 
  • la direttiva sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio (direttiva sugli imballaggi);
  • la direttiva sui rifiuti (direttiva quadro sui rifiuti);
  • la direttiva sulle discariche (direttiva sulle discariche);
  • la direttiva sui veicoli fuori uso, le batterie, gli accumulatori, le batterie e gli accumulatori usati;
  • la direttiva sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Le quote di riciclaggio, come previsto dal pacchetto sull'economia circolare, erano già parte della legge sulla gestione dei rifiuti a ciclo chiuso delle sostanze (KrWG), così come la legge sugli imballaggi (VerpackG), che è in vigore dal 2019 e va anche significativamente oltre le quote di riciclaggio richieste.

Dal 1° gennaio 2022, questi aumenteranno ancora una volta. La questione sarà poi quanto i requisiti possano essere effettivamente soddisfatti dall'economia circolare. Puoi trovare un primo riassunto provvisorio dell'effetto della legge sugli imballaggi finora nella nostra rivista.


 

Prodotti riciclati solo in un ruolo secondario

Oltre a una maggiore prevenzione dei rifiuti e un riciclaggio più efficiente, la nuova economia circolare ha un altro importante obiettivo per l'UE: la quota di materiali riciclati nella fabbricazione di nuovi prodotti deve essere significativamente aumentata.

Ci sono opportunità di ampia portata qui, specialmente per la plastica; dopotutto, solo in Germania, ne vengono lavorate circa 15 milioni di tonnellate all'anno. Tuttavia, i prodotti riciclati giocano solo un ruolo secondario in questo.


 

La buona notizia: più prodotti riciclati in produzione

Il "Diagramma del flusso dei materiali plastici in Germania" registra lo sviluppo della produzione, della lavorazione, del consumo e del riciclaggio della plastica ogni due anni. Un totale di 15 associazioni e organizzazioni del settore sono coinvolte nello studio, e la versione attuale ha raccolto dati per il 2019.

Il confronto dell'edizione del 2019 con lo studio precedente del 2017 può anche portare a qualche buona notizia sul tema dei riciclati:
 

  1. La quota di rifiuti riciclati per la fabbricazione di nuovi prodotti è aumentata. Dal 12,3% al 13,7%. Di conseguenza, quasi due milioni di tonnellate di rifiuti riciclati sono stati trattati nel 2019.
  2. In confronto, la quantità di rifiuti riciclati utilizzati è stata di circa 180.000 tonnellate superiore a quella del 2017 - un aumento di poco più del 10 per cento.
  3. La quota di materiale vergine nella quantità totale di input per la produzione, d'altra parte, è scesa del 2,5%.
  4. I rifiuti di plastica riciclati sono anche utilizzati in quasi tutti i settori, più frequentemente nel settore delle costruzioni e come imballaggi (circa il 24%) con una quota di circa il 43%. Tuttavia, sono anche utilizzati nella costruzione di veicoli, elettrodomestici, agricoltura, medicina, mobili e molti altri settori.




 

La cattiva notizia: ancora troppo pochi prodotti riciclati in produzione

Tuttavia, il quadro del flusso di materiale mostra anche il contrario: si dà ancora troppa importanza ai materiali vergini nella lavorazione della plastica. Lo sviluppo positivo delle quote di riciclato fa ancora troppo poco per cambiare questa situazione; una gran parte delle plastiche lavorate sono solo di nuova produzione - e questo era ancora a oltre 12 milioni di tonnellate nel 2019.

Ci sono varie ragioni per cui, nonostante il crescente apprezzamento per i prodotti riciclati, un cambiamento evidente sta avvenendo solo lentamente:
 

  • I bassi prezzi del petrolio rendono più conveniente per le aziende affidarsi a materiale vergine a basso costo; tuttavia, è discutibile se si possa ancora fare affidamento su questo nel lungo termine.
  • Nel riciclaggio della plastica, la quota di recupero dell'energia è ancora superiore a quella del riutilizzo meccanico o delle materie prime. In parole povere, questo significa che circa il 53% dei rifiuti di plastica in Germania viene incenerito e quindi quasi completamente perso nell'economia circolare.
  • Le materie prime secondarie come i prodotti riciclati devono essere convincenti in termini di qualità. L'ampia gamma di usi possibili ha del potenziale ma nonostante ciò questi prodotti riciclati non vengono utilizzati quanto si potrebbe. Queste applicazioni non sono limitate al settore farmaceutico, ma possono essere utilizzate praticamente per qualsiasi prodotto stampato o stampabile.

In molte industrie la quota di riciclati è solo a una cifra: quando sono usati per l'elettronica o gli elettrodomestici, rappresentano circa il due per cento, una quota irrisoria, e in altri settori questa quota è ancora più piccola. Per la maggior parte, il loro uso è una questione di qualità.
 
Qualità dei riciclati - un fattore difficile per gli imballaggi alimentari, per i cosmetici e i prodotti per la cura personale o le merci pericolose, che comunque costituiscono insieme una grande parte del mercato degli imballaggi. Tuttavia, i riciclati difficilmente giocano un ruolo in questi settori. Perché?

Requisiti speciali: nelle suddette industrie, i requisiti di qualità o la disponibilità di riciclati in grandi quantità e di qualità costante sono molto alti.

Ostacoli legali: l'imballaggio garantisce la sicurezza del prodotto - e per i prodotti sensibili, le leggi esistenti spesso impediscono un più alto contenuto di riciclato.

Altre ragioni di riluttanza in questi settori sono le possibili deviazioni di colore e di odore, la mancanza di certezza giuridica nelle questioni di conformità del prodotto o l'assenza di un sigillo affidabile del prodotto. In concorrenza con i nuovi prodotti, questi sono gravi svantaggi.
Per ottenere la qualità desiderata, tuttavia, il ciclo delle materie prime deve essere considerato già durante la produzione. Questo è l'unico modo per conservare la maggior parte possibile di plastica già usata per l'economia circolare. Tassi di riciclaggio più elevati sono quindi efficaci solo se la quota di riciclaggio delle materie prime o meccaniche viene aumentata allo stesso tempo. Questo richiede un pensiero olistico nella lavorazione della plastica.

Quando il mercato non regola: quote per i riciclati?

Nonostante il pacchetto sull'economia circolare, le aspettative della Commissione europea non sono ancora state soddisfatte. La quota di plastica riciclata nella fabbricazione di nuovi prodotti è ancora al di sotto degli obiettivi fissati. Per questo si discute di un adeguamento, e con esso di chiare richieste: ci dovrebbero essere delle quote per i materiali riciclati.

La commissione per l'ambiente del Parlamento europeo si esprime a favore delle quote

Nel febbraio 2021, la commissione ha messo in gioco possibili quote a livello europeo per l'uso di materiali riciclati.

La domanda non riguarda solo gli aspetti ecologici, come la conservazione di risorse preziose o la protezione dell'ambiente se si deve estrarre meno petrolio per nuove plastiche. Un aspetto centrale delle considerazioni sulle quote UE sono le opportunità economiche che possono risultare per l'economia circolare - specialmente nella competizione con le materie prime primarie da fonti fossili.

Il piano d'azione per l'economia circolare presentato all'inizio del 2021 è allo stesso tempo parte del New Green Deal dell'UE. Il risparmio previsto di emissioni di CO2 e di risorse serve quindi anche all'obiettivo di ridurre significativamente le emissioni di CO2 nell'UE entro il 2030.

Ampio sostegno ai piani di quote

I piani della commissione per l'ambiente dell'UE sono ampiamente ascoltati in Germania - e molto sostenuti, tra cui anche dall'Associazione federale tedesca per le materie prime secondarie e le forniture (BVSE).

La BVSE vede l'aumento dell'uso di materiali riciclati principalmente come risultato della sostituzione di altri materiali con la plastica. Nel caso degli imballaggi di plastica, tuttavia, non si vede ancora una tendenza positiva. BVSE chiede quindi che le emissioni di CO2 siano prese in considerazione nella produzione di nuovi beni, come incentivo a ridurle utilizzando materiali riciclati e per rendere più equa la determinazione dei prezzi. Anche la Conferenza dei ministri dell'ambiente degli stati tedeschi (UMK) sostiene il piano d'azione dell'UE. Un gruppo di lavoro speciale sul "Rafforzare l'uso di materiali riciclati" (RESAG) è stato istituito per lavorare su soluzioni per aumentare significativamente l'uso di materiali riciclati entro la fine del 2021.

L'Agenzia Federale per l'Ambiente (UBA) fa riferimento alla direttiva europea sull'ecodesign (2009/125/CE) in relazione alle quote stabilite per legge per i riciclati di plastica. Questo potrebbe fornire il quadro giuridico per le quote. Secondo la UBA, tuttavia, le quote di utilizzo dei riciclati hanno senso solo alle giuste condizioni:

• a causa dei diversi requisiti tecnici, le quote specifiche per gruppo di prodotti sono appropriate invece di imporre requisiti generali.

• le aziende devono essere in grado di rintracciare la provenienza dei prodotti riciclati, per esempio, per valutarne meglio la qualità. Tale verifica potrebbe essere introdotta sulla base del sistema di certificazione EuCertPlast per i riciclati valido nell'UE.

In ogni caso, le quote minime d'uso vincolanti per la plastica riciclata devono essere presentate alla Commissione europea e al Parlamento europeo entro la fine del 2022. L'obiettivo: almeno 10 milioni di tonnellate di plastica riciclata in nuovi prodotti entro il 2025.
 

Potrebbero interessarti anche:


Un anno della legge sugli imballaggi - Una valutazione intermedia

Nuove quote per gli imballaggi riutilizzabili e la riciclabilità dei prodotti d'imballaggio, oltre a norme più severe sugli obblighi per tutti coloro che mettono in circolazione imballaggi pieni, e un organismo centrale per le licenze - la nuova legge sugli imballaggi è destinata a garantire uno smaltimento più sostenibile degli imballaggi da gennaio 2019.

 
   

La sicurezza prima di tutto: come l'imballaggio garantisce più sicurezza

L'imballaggio offre sicurezza a vari livelli, perché non solo protegge la merce imballata ma è anche un mezzo importante per garantire alle aziende produttrici e ai clienti che contiene davvero ciò che si suppone.
   

Labelprint24 - Calcolo in tempo reale dell'imballaggio dei sacchetti e consegna in tempo record!

Labelprint24 continua ad espandere la sua gamma di prodotti e in futuro offrirà anche imballaggi flessibili in vari design oltre alle etichette in bobina, alle scatole personalizzate e ai tubetti. A tal fine, nel 2020 Labelprint24 ha investito in una nuova macchina da stampa più grande e in una macchina per imballaggi flessibili.
   
4.9/5 Testimonianze dei clienti: 735