Scelta libera del formato Scelta libera del formato
Consegna gratuita Consegna gratuita
Qualità dal 1961 Qualità dal 1961
Più di 15000 clienti soddisfatti Più di 15000 clienti soddisfatti

Più importante che mai: la situazione del mercato dell'imballaggio

  • Il 2020 ha causato molta incertezza nell'industria dell'imballaggio, ma ha anche fatto sperare in una situazione più rilassata nel 2021.
  • Nel complesso, il 2020 ha avuto un discreto successo per alcune parti dell'industria dell'imballaggio, nonostante la situazione generale.  
  • Sebbene la situazione pandemica si sia inizialmente attenuata nel 2021, nel corso dell'anno si è evidenziata una situazione delle materie prime sempre più urgente e una spirale dei costi da essa innescata.  
  • Inoltre, gli sviluppi in Europa, Nord America e Asia sono stati molto diversi e le cifre dell'infezione sono aumentate bruscamente anche in Germania.  
  • Alla fine del 2021, la situazione per l'industria locale dell'imballaggio continua ad essere caratterizzata da un importante fattore di incertezza, che offusca quello che è di per sé un buon clima commerciale.


 

Rimarrà tutto diverso?

Dopo un difficile 2020, l'industria dell'imballaggio guarda avanti perché quello che la crisi ha mostrato finora è che 'imballaggio è più importante che mai. Tuttavia, le sfide attendono ancora accanto alle prospettive ottimistiche. Diamo un'occhiata alla situazione del mercato degli imballaggi.

 

Uscire più forti dalla crisi?

Le condizioni erano difficili per tutti nel 2020, e l'industria dell'imballaggio non ha fatto eccezione. Sviluppi economici incerti, previsioni insolitamente difficili: i produttori hanno dovuto fare i conti con alcune cose imponderabili.
 

All'inizio di questo primo anno di Covid, l'attenzione si è concentrata soprattutto sulla questione della sostenibilità - come era già diventato evidente negli anni precedenti al 2020. Poi, però, è iniziata la pandemia e ha fatto sì che improvvisamente la prevenzione (delle infezioni) in combinazione con l'igiene generale sia diventata molto più importante che mai - e di quanto fosse prevedibile.

Nelle prossime settimane e mesi, l'industria dell'imballaggio ha subito un cambiamento drammatico in alcune aree:






 

Nelle prossime settimane e mesi, l'industria dell'imballaggio ha subito un cambiamento drammatico in alcune aree:
 

  • L'imballaggio divenne enormemente importante, soprattutto come contenitore sicuro per le necessità quotidiane. Infatti, gli imballaggi specifici per i prodotti farmaceutici, il controllo delle infezioni e i prodotti alimentari hanno acquisito uno status di "sistema rilevante"..
  • Di conseguenza, quella parte dell'industria dell'imballaggio che era (anche) dedicata a questi punti focali è fiorita significativamente nel 2020. Allo stesso tempo, la domanda di imballaggi in altri settori è crollata di un quinto o più; per esempio, gli imballaggi di plastica nell'industria.
  • A causa del "ritiro" volontario, ma anche imposto dal governo, della maggior parte delle persone dal settore pubblico, il commercio online ha acquisito di nuovo un'importanza drammatica, e con esso, naturalmente, la relativa tecnologia di imballaggio. Inoltre, questo tipo di imballaggio ha subito un'impennata della domanda, che ha permesso soluzioni di pick-up o "to-go"
 

Il 2020 è stato quindi un anno di alti e bassi inaspettati per l'industria dell'imballaggio. Tuttavia, non ci sono stati alti e bassi così estremi come nell'industria della stampa, che è stata esposta a fluttuazioni in un tempo molto breve.

Inoltre, è diventato evidente che il tema della sostenibilità ha avuto una priorità inferiore solo per un breve periodo. Non appena la situazione pandemica si è attenuata, l'attenzione dei consumatori è tornata immediatamente al packaging sostenibile. Ciò dimostra quanto sia importante questo complesso di argomenti - e quanto sia diventato da tempo rilevante tra i consumatori.

Nel complesso, si può dire che l'anno 2020 ha presentato all'industria dell'imballaggio molte sorprese imprevedibili e ha imposto alcune misure scomode. Inoltre, non tutte le aziende hanno potuto approfittare dell'aumento favorevole della domanda, mentre altre aziende sono state in grado di dimostrare la loro efficienza e di trarre profitto dall'aumento della domanda.

 

Inoltre, la svolta dell'anno 2020/21 è stata segnata dal completamento dello sviluppo del vaccino. Questo è stato accompagnato, da un lato, dalle aspettative di una riduzione dell'incidenza delle infezioni e di un ritorno alla normalità; d'altra, da ordini lucrativi per essere in grado di confezionare adeguatamente tutto ciò che era necessario per i milioni di vaccinazioni.

Anche se il nuovo anno 2021 è iniziato con lo stesso blocco che ha concluso quello vecchio, il clima generale degli affari nel settore è stato positivo; ciononostante, la maggior parte degli imprenditori dell'industria dell'imballaggio era solo cautamente ottimista. Qui è diventato evidente all'inizio del 2021 che il mutevole anno precedente aveva reso molti prudenti e questa cautela si è rivelata giustificata e corretta perché il 2021 ha portato altri problemi.

Questa cautela si è rivelata giustificata e corretta visto che il 2021 ha portato ulteriori problemi.

 

Argomento imballaggio: tra un boom della domanda e una carenza di materie prime

All'inizio del 2021, l'industria dell'imballaggio poteva realisticamente sperare in diversi eventi:

  • In tutto il mondo, le gigantesche campagne di vaccinazione avrebbero preso il via nelle prossime settimane e mesi.
  • Da un lato, questo significava una nuova spinta per i materiali di imballaggio necessari per questo.
  • D'altra parte, l'incidenza dell'infezione si sarebbe dovuta normalizzare nel prossimo futuro..


In breve, i segni suggerivano che ci sarebbe stato un altro boom di confezioni di vaccini e accessori, ma poi la situazione si sarebbe gradualmente rilassata di nuovo, tornando alla situazione che esisteva prima dell'inizio della pandemia.



Tuttavia, la realtà era diversa. Verso la fine dell'anno, soprattutto i fabbricanti di scatole di cartone, di prodotti di cartone ondulato e di plastica non avevano quasi subito alcun danno alle loro catene di approvvigionamento. Nel primo trimestre del 2021, la situazione si è rapidamente trasformata nel contrario.

Nel mese di febbraio, ha cominciato a diventare evidente che c'erano carenze sempre più pressanti di materie prime nel settore degli imballaggi in plastica. Soprattutto con le materie prime quali:

 
  • Polietilene duro (polietilene ad alta densità, HDPE)
  • Polietilene a bassa densità (LDPE),
  • poliammidi (PA)
  • polipropilene (PP).
 

Lo sfondo era una catena di eventi sfortunati. Ci sono state interruzioni legate al tempo in Texas e altrove.

Ciò che è stato particolarmente drammatico è che molte industrie in tutto il mondo si sono riprese "troppo in fretta" allo stesso tempo. Questo a sua volta ha causato un'impennata della domanda.

Questo aumento è stato compensato dalla riduzione delle importazioni di petrolio dall'Arabia Saudita e dagli Stati Uniti verso l'Europa. In alcuni casi, le quote di materie prime sono state dirottate in Asia per soddisfare la fame di domanda di un'industria molto più grande che in Europa. Di conseguenza, molti produttori europei di imballaggi in plastica si sono trovati di fronte a un forte aumento della domanda e allo stesso tempo a un'offerta drammaticamente ridotta di materie prime.

Più o meno nello stesso periodo, anche i produttori di imballaggi che si affidano al legno e ai materiali da esso derivati hanno dovuto ammettere che la situazione era tutt'altro che positiva. Fattori come:

  • catene di approvvigionamento crollate nelle più importanti regioni produttrici di legno della Scandinavia, dell'Europa orientale e del Nord America;
  • moltissimo legno danneggiato inutilizzabile, per esempio a causa di un'infestazione di bostrico;
  • un boom edilizio, soprattutto negli Stati Uniti, con una forte tendenza verso le costruzioni in legno ha causato un forte aumento dei prezzi del legname in questo paese in breve tempo, e allo stesso tempo il legname è diventato scarso.


Una tale situazione era già diventata evidente a metà del 2020, ma non si era concretizzata a causa della situazione di Covid. Con il miglioramento della situazione pandemica all'inizio del 2021, questo è stato compensato in senso negativo in un breve periodo di tempo.

Mentre fino alla fine del 2020 solo i prezzi delle materie prime erano aumentati, riducendo così i ricavi, per esempio nel settore del cartone ondulato, la situazione delle materie prime è diventata sempre più pressante nel corso del 2021. Nell'autunno 2021 è diventato chiaro che solo in Europa mancavano circa 300.000 tonnellate di cartone a base di fibre vergini.

Anche se, in particolare i produttori di cartone e di scatole stavano producendo ai loro limiti, la domanda era così grande che molti clienti non riuscivano a ottenere nulla nemmeno con offerte superiori alla media. In alcuni casi la situazione era così drammatica che i nuovi clienti rimanevano a mani vuote perché i produttori potevano rifornire solo i clienti abituali.

Di conseguenza, i prezzi locali della carta di base per la produzione di cartone ondulato sono aumentati di un incredibile 46,6 per cento tra settembre 2020 e settembre 2021. Gli aumenti nel settore della carta riciclata sono stati ancora più gravi. Questa situazione è stata aggravata da misure politiche che hanno aumentato sia il prezzo delle fonti di energia che le emissioni di CO2.

All'inizio dell'ultimo trimestre del 2021, la situazione ha persino causato un oscuramento delle aspettative dell'azienda.

L'indice del clima economico della Federazione tedesca delle industrie di stampa e dei media (BVDM) è sceso dello 0,3 per cento tra settembre e ottobre. Un sondaggio flash pubblicato alla fine di novembre dal Fachverband Faltschachtel-Industrie e.V. (FFI) ha mostrato che il clima economico è sceso dello 0,3 per cento tra settembre e ottobre. FFI pubblicato alla fine di novembre ha mostrato che molte aziende erano convinte che la situazione dell'offerta sarebbe rimasta invariata per qualche tempo.

Attualmente (all'inizio di dicembre 2021), sempre più produttori invitano quindi i loro clienti a specificare ancora una volta le loro effettive esigenze di imballaggio, al fine di mantenere le quantità di ordine per i prossimi mesi il più realisticamente possibile in linea con la domanda reale.

Purtroppo, questo si sta rivelando incredibilmente difficile. Perché l'ultimo trimestre del 2021 è sorprendentemente simile allo stesso trimestre dell'anno precedente. Miliardi di persone nel mondo sono state vaccinate, tuttavia, i numeri non sono sufficienti. Da ottobre, il numero di infezioni è quindi aumentato rapidamente, e all'inizio di dicembre in Germania e in molti altri paesi europei, i valori di picco delle precedenti ondate di infezione sono stati superati da tempo

Mercati e prospettive di mercato: Qual è il prossimo passo per l'industria dell'imballaggio?

Mentre all'inizio del 2021 l'industria dell'imballaggio poteva ancora sperare di tornare presto in acque familiari, alla fine dell'anno si trova ad affrontare una situazione simile a quella dello stesso periodo dell'anno precedente. Come continuerà la situazione delle malattie infettive in questo paese è incerta.


Sviluppi attuali come

  • tassi di incidenza molto alti,
  • un imminente cambio di governo con una prevista "fase di familiarizzazione",
  • la scadenza della "situazione epidemica di importanza nazionale" alla fine di novembre,
  • indecisione a livello nazionale su ulteriori misure tra chiusure e vaccinazioni obbligatorie,

si scontrano con un mondo in cui una sola nuova variante di Coronavirus sta causando grande preoccupazione. In una tale situazione, c'è naturalmente anche incertezza per l'industria dell'imballaggio. Al momento, è difficile stimare come si svilupperanno le cose.

 

Tutto sembra possibile al momento, da una variante del virus più contagiosa ma chiaramente più mite, una nuova chiusura della Repubblica Federale, a una normale dissolvenza della quarta ondata. E quindi anche tutto ciò che il rispettivo futuro potrebbe significare per l'industria dell'imballaggio.

 

Inoltre, la situazione globale è molto eterogenea: in Cina e in altri paesi asiatici l'industria è di nuovo in pieno boom; gli Stati Uniti, invece, soffrono di strozzature nell'offerta e di carenze di personale. Soprattutto, molti paesi stanno vivendo un tasso di inflazione che non si vedeva da decenni.

 

L'unica cosa certa per l'industria dell'imballaggio è che questa deve essere preparata a tutti i possibili scenari. Questa "certezza dell'incertezza" si riflette anche nell'indice del clima imprenditoriale: sebbene sia stato migliore nel penultimo mese del 2021 rispetto all'autunno precedente, è stato ugualmente meno fiducioso sul futuro.


 

Potrebero interessarti anche:


I Baby boomer e l'impatto sull'industria dell'imballaggio

La società sta invecchiando sempre di più: tra il 2000 e il 2018, la percentuale di persone oltre i 65 anni è aumentata del quasi 10%, secondo l'Istituto federale di ricerca sulla popolazione. Gli anziani costituiscono, quindi, circa un terzo della popolazione totale, e la tendenza è ancora in aumento.
   

La sicurezza prima di tutto: come l'imballaggio garantisce più sicurezza

L'imballaggio offre sicurezza a vari livelli, perché non solo protegge la merce imballata ma è anche un mezzo importante per garantire alle aziende produttrici e ai clienti che contiene davvero ciò che si suppone.
 
   

Labelprint24 - Calcolo in tempo reale dell'imballaggio flessibile e consegna in tempo record!

Labelprint24 continua ad ampliare la propria gamma di prodotti e in futuro offrirà anche imballaggi flessibili in vari design, oltre a etichette in bobina, scatole personalizzate e tubetti in laminato. A tal fine, nel 2020 Labelprint24 ha investito in una nuova macchina da stampa e in una macchina per doypack.
 
   
4.9/5 Testimonianze dei clienti: 735