Scelta libera del formato Scelta libera del formato
Consegna gratuita Consegna gratuita
Qualità dal 1961 Qualità dal 1961
Più di 15000 clienti soddisfatti Più di 15000 clienti soddisfatti

Meno rischi, piú sicurezza: le raccomandazioni del BFR per i materiali a contatto con gli alimenti

 

  • Il cibo entra in contatto con molti materiali dalla produzione al consumo.

  • Nel processo, le sostanze che rappresentano un rischio per la salute possono essere trasferite nel cibo.

  • La legge sugli alimenti e le raccomandazioni del BfR assicurano la protezione del consumatore da ciò.

 

I prodotti alimentari sono beni sensibili e suscettibili di varie influenze esterne. In molti casi, l'imballaggio protettivo è necessario affinché i consumatori possano godere del cibo senza preoccupazioni. Poiché la confezione è a diretto contatto con gli alimenti, i materiali di cui è composta devono rispondere a severe specifiche - e l'Istituto federale per la valutazione dei rischi (BfR) fa le sue raccomandazioni a questo proposito.

COSA SONO I MATERIALI A CONTATTO CON GLI ALIMENTI?

Il cibo entra in contatto con numerosi oggetti e materiali durante la produzione, il trasporto, la conservazione e il consumo; possono essere macchine, ma anche imballaggi, stoviglie e posate. In questo campo si parla di articoli e materiali a contatto con gli alimenti se sono effettivamente adatti a entrare in contatto con gli alimenti.

Nel contatto, le sostanze possono passare dai materiali al ciboin gergo tecnico, questo è chiamato migrazione . Le sostanze pericolose per la salute possono quindi migrare e contaminare o inquinare il cibo.

Un esempio classico dell'industria dell'imballaggio è l'inchiostro da stampa che penetra nel materiale dell'imballaggio e arriva al contenuto; altro caso è quando le sostanze possono migrare attraverso l'evaporazione. Se, per esempio, il cibo congelato viene riscaldato insieme al vassoio di imballaggio in un forno a microonde o in un forno, le sostanze possono sciogliersi e finire sul cibo.

LA LEGGE È LA LEGGE: REGOLAMENTI PER I MATERIALI A CONTATTO CON GLI ALIMENTI

Al fine di garantire che gli imballaggi per alimenti e altri materiali a contatto non presentino rischi per la salute umana, la legge sugli alimenti (Sezione 31 (2) frase 1 LFGB) stabilisce che nessuna sostanza può essere trasferita dai materiali a contatto con gli alimenti agli alimenti che possa
 

  • die mettere in pericolo la salute umana,

  • comportare un cambiamento inaccettabile nella composizione dell'alimento

  • compromettere l'odore, il sapore, la consistenza o l'aspetto del cibo.
 

In linea di principio, però, non tutte le sostanze che migrano sono un rischio per la salute. Ci sono le cosiddette sostanze ubiquitarie che tipicamente si trovano ovunque in natura, così come molte sostanze che sono considerate critiche solo sopra una certa soglia.

Itest tossicologiciforniscono informazioni se una sostanza è preoccupante e, in caso affermativo, oltre quale limite. Queste vengono effettuate da organizzazioni come l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e l'Istituto federale tedesco per la valutazione dei rischi (BfR).

SUL BANCO DI PROVA ALL'ISTITUTO FEDERALE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI (BFR)

L'Istituto federale per la valutazione dei rischi esiste nella sua forma attuale dal 2002. Come le istituzioni che lo hanno preceduto, il BfR svolge principalmente una funzione di consulenza per i ministeri del governo federale. La cooperazione è particolarmente stretta con i ministeri di:
 

  • Cibo e agricoltura
  • Ambiente, conservazione della natura e sicurezza nucleare
  • Trasporti e infrastrutture digitali
  • Salute

Il compito principale del BfR è quello di prendere una posizione sui rischi degli alimenti, dei prodotti e delle sostanze chimiche e quindi di fornire una base di conoscenza competente per i decisori politici.

Il BfR adempie a questo compito conducendo ricerche e valutazioni indipendenti e comunicando i rischi per la salute. Il fulcro delle sue attività, come sancito dalla dichiarazione di missione, è quello di rafforzare la protezione dei consumatori e la salute umana attraverso imballaggi alimentari sicuri.



 

RACCOMANDAZIONI DEL BFR: LO STATUS GIURIDICO

Le raccomandazioni emesse dal BfR sui materiali a contatto con gli alimenti non costituiscono norme giuridiche e quindi non hanno carattere giuridico vincolante. Le aziende che producono e usano tali materiali dovrebbero comunque prendere in considerazione le raccomandazioni del BfR. Questo perché la situazione legale stabilisce che i materiali a contatto con gli alimenti devono essere prodotti in conformità alle buone pratiche di fabbricazione in modo tale che non rappresentino un rischio per la salute durante l'uso normale e prevedibile.

Le raccomandazioni del BfR rappresentano lo stato attuale della scienza e della tecnologia riguardo alle condizioni decisive per la conformità di un materiale ai requisiti legali per la sua sicurezza sanitaria

Questo significa: se un prodotto di consumo è prodotto o usato in modo diverso dalle raccomandazioni del BfR, il produttore o l'utilizzatore deve aspettarsi dei reclami basati sui regolamenti del diritto alimentare.

IN QUALI AREE IL BFR CONDUCE RICERCHE E FORMULA RACCOMANDAZIONI?


Nelle sue attività di ricerca, valutazione e consulenza, l'Istituto federale per la valutazione dei rischi si dedica fondamentalmente a tutte le questioni nelle tre seguenti aree tematiche:
 

  • Sicurezza alimentare: la valutazione tossicologica, nutrizionale e medica degli alimenti. I soggetti della ricerca sono ingredienti e additivi, residui, contaminanti e germi.

  • Sicurezza chimica: la valutazione dei rischi per la salute di prodotti chimici, pesticidi, biocidi e varie merci pericolose.

  • Sicurezza dei prodotti: la valutazione del rischio dei prodotti legati al consumo come i cosmetici e i prodotti per l'igiene, i giocattoli, l'abbigliamento e i detergenti e i prodotti per la pulizia. Anche i contenitori e gli imballaggi per il cibo rientrano in questa area.


Tuttavia, le attività del BfR sono limitate esclusivamente a sostanze e aree che non sono ancora regolate dalla legislazione. Gli attuali sviluppi della legislazione vengono quindi soddisfatti aggiornando regolarmente le raccomandazioni. Le liste di tutte le raccomandazioni applicabili possono essere visualizzate gratuitamente nel database online del BfR.

UN AMPIO CAMPO DI RICERCA: MATERIALI PER IL CONTATTO ALIMENTARE

Fondamentalmente, il BfR si occupa solo dei cosiddetti alti polimeri, un gruppo di sostanze chimiche che consistono in macromolecole e che includono sia sostanze naturali che sintetiche come:

 

  • plastica

  • siliconi,

  • gomme naturalisintetiche

  • carte, cartoni e cartoncini.



Originariamente, le raccomandazioni del BfR si concentravano sulle materie plastiche nel contatto con gli alimenti. Ora, questo settore è ampiamente regolato dalla legislazione a livello UE.

Le raccomandazioni del BfR su queste plastiche riguardano quindi ora solo le sostanze che non sono incluse nella lista del regolamento (UE) 10/2011: sostanze ausiliarie di polimerizzazione nella produzione di materie plastiche.

La situazione è diversa per quanto riguarda i siliconi, la gomma e la carta. Qui, le aziende possono ancora fare pieno affidamento sulle raccomandazioni del BfR.
 

IN FOCUS: RACCOMANDAZIONI SU CARTA, CARTONE E CARTONCINO PER IL CONTATTO CON GLI ALIMENTI

 

Uno dei campi di ricerca del BfR che è particolarmente rilevante per l'industria dell'imballaggio nel contatto con gli alimenti è la carta, il cartone e il cartoncino. Questo perché le raccomandazioni del BfR servono come linea guida all'interno dell'industria su quali sostanze possono essere usate o dovrebbero essere evitate nelle procedure di produzione e lavorazione.

Le raccomandazioni del BfR elencano quindi una serie di sostanze insieme alle loro condizioni e valori limite, comprese le seguenti categorie:

  • Materie prime della carta: fibre e materiali di riempimento

  • Ausiliari di produzione: agenti collanti, agenti precipitanti e di fissaggio, agenti pergamenacei, agenti di ritenzione, acceleratori di disidratazione, agenti disperdenti e di galleggiamento, agenti antischiuma e conservanti.

  • Agenti speciali per la finitura della carta: agenti rinforzanti a umido, umettanti, coloranti e sbiancanti ottici, nonché agenti per la finitura e il rivestimento delle superfici.




Inoltre, il BfR fa raccomandazioni sulle condizioni in cui l'uso di fibre recuperate come materia prima della carta è ammissibile.

In linea di principio, i prodotti riciclati devono soddisfare gli stessi requisiti dei prodotti realizzati con materie prime appena recuperate. Tuttavia, ci sono ulteriori requisiti per le sostanze che possono essere presenti nella carta recuperata utilizzata, per esempio come componenti di inchiostri da stampa e adesivi.

Durante il processo di riciclaggio, varie sostanze di altri materiali (per esempio la plastica) possono anche migrare nelle fibre riciclate. . Al fine di prevenire un'ulteriore migrazione al cibo in una fase successiva, si deve quindi prestare particolare attenzione quando si analizzano i prodotti riciclati. Il BfR fornisce anche una lista di sostanze da considerare e i loro valori limite.

 
4.9/5 Testimonianze dei clienti: 735