Scelta libera del formato Scelta libera del formato
Consegna gratuita Consegna gratuita
Qualità dal 1961 Qualità dal 1961
Più di 15000 clienti soddisfatti Più di 15000 clienti soddisfatti

L’industria della stampa sotto pressione: l'aggiornamento sul Coronavirus

  • La persistenza della pandemia di Coronavirus continua a colpire duramente l'industria della stampa: una leggera ripresa economica nel 2021 è quindi seguita da prospettive cupe per l'anno 2022.
  • Le restrizioni nelle forniture e l'aumento dei costi non solo stanno facendo salire il prezzo dei prodotti di stampa, ma stanno anche inducendo molte aziende a tagliare l'attività di produzione.
  • Opportunità nella pandemia? Soprattutto, la forte crescita dell'e-commerce apre buone opportunità per l'industria della stampa.
  • Contrastare gli effetti della pandemia con le innovazioni: i flussi di lavoro automatizzati e digitali aiutano a tenere il passo con il ritmo dell'e-commerce, ma le condizioni per una ristrutturazione globale sono state raramente peggiori.


Le preoccupazioni nell'industria tedesca della stampa e dei media persistono, offuscando l'umore in vista del futuro. Eppure la situazione economica si era ripresa rispetto al 2020. Secondo le indagini condotte dall'istituto ifo per conto della Federazione tedesca delle industrie della stampa e dei media (bvdm), l'indice del clima economico del 2021 è stato costantemente superiore al livello dell'anno precedente.

Tuttavia, l'attuale sviluppo dell'incidenza dell'infezione e la forza della quarta ondata di coronavirus hanno ancora una volta messo un freno alle aspettative del settore per il prossimo anno. Le conseguenze della pandemia in corso sono evidenti in molti settori.

 

Alti e bassi nell'indice del clima economico


Con 99,6 punti, l'indice del clima economico per l'industria grafica tedesca nel novembre 2021 era ad un livello relativamente buono - almeno se si guarda all'anno scorso. Dal luglio 2021, tuttavia, il bdvm-Konjunkturtelegramm ha mostrato una continua tendenza al ribasso. Rispetto al mese precedente, il valore di novembre rappresenta un ulteriore calo di 2,6 punti percentuali.

Sviluppi simili possono essere tracciati per la situazione del business e le aspettative del business:
 
  • L'indice della situazione degli affari è sceso di nuovo dopo un aumento in ottobre. A 99,4 punti, è sceso sotto il livello pre-crisi del febbraio 2020.
  • Le aspettative delle imprese, d'altra parte, sembrano più stabili. A 99,7 punti nel novembre 2021, sono a un livello simile a quello dell'anno precedente - ma circa 4 punti sotto il valore pre-crisi.

Tuttavia, solo il 13% delle aziende partecipanti prevede di produrre di più nei prossimi tre mesi. Al contrario, il 25% delle aziende si aspetta un calo della produzione.

Secondo le previsioni della società di consulenza aziendale Apenberg & Partner (A&P), le opinioni sullo sviluppo del mercato sono più o meno equilibrate: mentre il 32% si aspetta una flessione, il 29% prevede una tendenza al rialzo. Il restante 39%, invece, si aspetta che la situazione del mercato rimanga la stessa. Ma quanto sono probabili problemi visto che stanno già avendo un impatto notevole?
 

Materie prime scarse, costi in aumento


Nel 2020 era già chiaro che l'industria della stampa stava affrontando diverse difficoltà. Questo riguardava, per esempio, i libri degli ordini, che stavano diventando sempre più sottili a causa dell'economia depressa. Per compensare le conseguenze della pandemia, come la perdita di pubblicità e la stampa di volantini, molte aziende hanno fatto dei cambiamenti strutturali - ma il risultato è una spirale continua in cui non si vedono ancora miglioramenti.

Cosa fare quando gli ordini non si materializzano? Nuovi mercati per l'industria della stampa


A causa delle numerose restrizioni volte a rompere le prime onde di Corona nel 2020, molte aziende sono state costrette a ridurre bruscamente e talvolta completamente la loro produzione. Il lavoro a orario ridotto e gli aiuti governativi avevano lo scopo di evitare il crollo delle vendite, così come i profondi risparmi nelle spese.

Abbastanza spesso, questo ha colpito i budget di marketing che altrimenti veniva finanziato da pubblicità e opuscoli per la stampa. Nel 2020, i giornali quotidiani hanno quindi dovuto affrontare una perdita di entrate pubblicitarie di circa il 18 per cento, nei giornali pubblicitari è stato addirittura del 24 per cento. Di conseguenza, meno ordini sono andati alle aziende dell'industria della stampa.

In queste condizioni, molte aziende hanno intrapreso un cambiamento strutturale e si sono rivolte a mercati che continuano a promettere opportunità di crescita. Questi si trovano in particolare nella produzione di cartone ondulato: poiché il commercio online è diventato ancora più importante in seguito alla pandemia, qui c'è una domanda enorme - a differenza della carta grafica, per esempio. 

Per quanto riguarda la carta grafica, la domanda è in calo da diversi anni: dal 2012, è diminuita di più di 15 milioni di tonnellate - cioè il 44% in meno.

Troppa poca carta recuperata: cicli di materie prime interrotti nell'industria della stampa


A medio termine l'interazione di questi fattori si rivela un problema. Questo perché gli sviluppi non possono essere considerati separatamente e si influenzano a vicenda:
 
  • A causa del declino nella stampa di pubblicità e opuscoli, dall'inizio della pandemia è stata messa in circolazione molta meno carta da macero.
  • La carta straccia è usata principalmente per la produzione di cartone ondulato e prodotti simili per la spedizione. La mancanza di materie prime e l'aumento della domanda hanno quindi portato a colli di bottiglia e catene di approvvigionamento interrotte.
  • Allo stesso tempo, le capacità di produzione di carta grafica sono state ridotte (per un totale di 8,2 milioni di tonnellate dal 2016) e ora mancano. Tuttavia, questo non è l'unico problema poiché la proporzione di cartone e carta grafica nella carta recuperata spesso non raggiunge più la qualità necessaria per produrre carta grafica.

La carenza di materie prime, di cui le associazioni industriali hanno avvertito l'anno scorso, non è solo evidente nell'interruzione delle catene di approvvigionamento e dei processi di produzione, ma é particolarmente evidente nei prezzi.

Aumento della domanda, bassa disponibilità: i prezzi delle materie prime esplodono


Quindi l'aumento dei prezzi non sta colpendo l'industria impreparata; i segnali c'erano anche già nel 2020. Di conseguenza, quasi nessuna azienda del settore della stampa si aspetta un miglioramento: nel Print Business Autumn Forecast 2022 di A&P, il 98% dei partecipanti ha detto di aspettarsi un aumento dei prezzi dei fornitori.

La questione qui non è quindi se l'aumento dei prezzi arriverà, ma quanto sarà grave. Secondo l'Ufficio federale di statistica, i prezzi all'ingrosso dei residui di carta e cartone per la produzione degli stessi erano quasi 193 euro a tonnellata nell'ottobre 2021. Per confronto: nell'ottobre 2020, il prezzo era ancora di 81 euro a tonnellata. Questo corrisponde a un aumento di circa il 138 per cento nel corso di un anno.
Loading...

Loading...


Finora, la situazione è meno drastica per i prezzi della carta ondulata e del cartone come materiali da imballaggio. Tuttavia, questo è dovuto principalmente ai prezzi continuamente alti, che sono rimasti a un livello quasi costante dal 2018. Dall'estate del 2021, tuttavia, la tendenza per questi prodotti di carta punta più chiaramente verso l'alto.

Il fatto che i giganti dell'industria come Amazon e altri attori globali della vendita al dettaglio online abbiano acquistato grandi scorte all'inizio aumenta la carenza di risorse - e penalizza le aziende più piccole fuori dal mercato che non possono più pagare i prezzi elevati.

Dalla logistica all'energia: tutto diventa più caro

Tuttavia, non è solo l'aumento dei prezzi delle materie prime che sta smorzando l'umore nell'industria della stampa. I costi salgono anche in altri settori.

Costi aggiuntivi per la logistica

I produttori di carta sono particolarmente colpiti dai costi aggiuntivi per la logistica. Questo perché la pasta di legno per la produzione della carta è importata da fuori Europa. Tuttavia, la pandemia di Coronavirus nel commercio marittimo ha causato in generale un forte aumento dei noli - e quindi anche della disponibilità di container per il trasporto.

L'aumento della domanda ha quindi fatto salire anche i prezzi dei container. In alcuni casi, i produttori devono pagare quattro volte tanto rispetto all'anno precedente - il costo di un container è a volte ben oltre i 6.000 dollari.

Costi aggiuntivi per la fornitura di energia


Un altro fattore di costo che sarà avvertito da molte aziende del settore della stampa a partire dal prossimo anno al più tardi: l'aumento dei costi dell'energia. Tra le aziende membri dell'Associazione industriale degli imballaggi in carta e pellicola (IPV), l'85% si aspetta un aumento dei costi.

Nel caso della fornitura di energia elettrica, le aspettative sono per un aumento dei prezzi fino al 60%. Anche con contratti a lungo termine, l'aumento dei costi può difficilmente essere assorbito, secondo l'amministratore delegato di IPV Karsten Hunger. Inversamente, ciò significa che i costi di produzione aumenteranno complessivamente.

In media, le aziende manifatturiere si aspettano costi aggiuntivi di circa il 20%. I produttori di stampe devono quindi prepararsi all'aumento dei prezzi - anche se non è ancora chiaro in che misura i costi più elevati saranno trasferiti su di loro.

Allo stesso tempo, l'andamento dei prezzi si ripercuote sulle stampanti stesse. Dopo tutto, secondo il bvdm, i costi di approvvigionamento dell'elettricità rappresentano circa un quarto dei prezzi. Dato che una tendenza al ribasso dei prezzi delle materie prime legate all'energia non è prevedibile per il momento, l'industria della stampa dovrà trovare anche nel 2022 delle soluzioni per compensare economicamente i costi aggiuntivi.

Tra insolvenza e aiuti di Stato

Fino alla fine di marzo, le aziende dell'industria della stampa hanno ancora la possibilità di usufruire del sostegno finanziario dello Stato. Il ministero federale dell'economia e della tecnologia e il ministero federale delle finanze hanno concordato il 24 novembre 2021 una proroga del programma di sussidio finanziario temporaneo. Il sussidio IV adotta in gran parte le condizioni e le procedure di applicazione precedenti.

Il programma dura fino al 31 marzo 2022 e prevede, tra l'altro, il rimborso dei costi fissi. Inoltre, le sovvenzioni azionarie sono possibili per le aziende che sono state colpite in modo particolarmente duro dalla pandemia di Corona. Questo vale anche per le chiusure.
 

Chiusure e insolvenze nel settore della stampa: quanto è grave la situazione?


Le previsioni per l'intero settore non erano particolarmente ottimistiche nemmeno all'inizio della pandemia. Già nel marzo 2020 l'agenzia A&P aveva avvertito di un numero crescente di insolvenze. Tuttavia, delle 118 insolvenze previste, "solo" 84 si sono verificate nel corso dell'anno.

A titolo di paragone, 91 aziende dell'industria della stampa e dei media hanno dichiarato l'insolvenza l'anno precedente. Anche le 104 insolvenze previste per il 2021 sono ancora molto lontane dalle 233 insolvenze dell'anno di crisi 2009.



Nonostante tutto, queste cifre non sono un motivo per festeggiare, soprattutto perché possono nascondere la vera situazione del settore. L'obbligo di dichiarare l'insolvenza è stato sospeso fino alla fine di aprile 2021, quindi la portata delle chiusure potrebbe diventare chiara solo con un ritardo.

In aggiunta a ciò sono le condizioni peggiorate in molte aree rispetto al 2020. La leggera ripresa della situazione commerciale che si è potuta osservare nel corso dell'anno, è su un terreno instabile a causa delle strozzature delle materie prime e dell'aumento dei costi.

La pandemia accelera la chiusura degli impianti


La portata della pandemia di Coronavirus può essere determinata solo in misura limitata. Il fatto è che parti dell'industria della stampa stanno lottando da alcuni anni: circolazione della stampa in calo, meno pubblicità nel settore della stampa, carenza di lavoratori qualificati - molti problemi che esistono ancora da prima della pandemia.

In questo senso, si ha un effetto accelerante. Le aziende che finora hanno trascurato una possibile o necessaria ristrutturazione si trovano ora ad affrontare condizioni ancora peggiori perché le innovazioni richiedono investimenti, e questi non sono realistici per molte aziende nell'attuale situazione economica.

Prospettive incerte per l'industria della stampa

Quindi la situazione rimane incerta per il momento per le aziende dell'industria della stampa. Oltre ai fattori economici, anche lo sviluppo dell'infezione in Germania è responsabile di questo.

Le incidenze persistentemente alte e la nuova variante Omicron del virus Corona stanno causando incertezza nonostante le vaccinazioni efficaci. Chiusure della scala del primo anno della pandemia non sono previste per il momento, anche se sono state determinanti per rompere le precedenti ondate di Corona. Tuttavia, il danno economico è stato enorme in tutti i settori.

Nonostante le opportunità di crescita in molti settori - per esempio in relazione al boom dell'e-commerce - le previsioni a lungo termine sono quindi difficili. Dopo tutto, il 2021 ha dimostrato che l'industria della stampa è capace di sviluppi positivi anche in tempi di crisi.
 

Potrebbero interessarti anche:


I Baby boomer e l'impatto sull'industria dell'imballaggio

La società sta invecchiando: tra il 2000 e il 2018, la percentuale di persone oltre i 65 anni è aumentata di quasi il 10%. Gli anziani costituiscono quindi circa un terzo della popolazione totale, e la tendenza è ancora in aumento.
   

La sicurezza prima di tutto: come l'imballaggio garantisce più sicurezza

L'imballaggio offre sicurezza a vari livelli, perché non solo protegge la merce imballata ma è anche un mezzo importante per garantire alle aziende produttrici e ai clienti che contiene davvero ciò che si suppone.
 
   

Labelprint24 - Calcolo in tempo reale dell'imballaggio dei sacchetti e consegna in tempo record!

Labelprint24 continua ad espandere la sua gamma di prodotti e in futuro offrirà anche imballaggi flessibili in vari design oltre alle etichette in bobina, alle scatole personalizzate e ai tubetti. A tal fine, nel 2020 Labelprint24 ha investito in una nuova macchina da stampa più grande e in una macchina per imballaggi flessibili.
 
   
4.9/5 Testimonianze dei clienti: 735